ABC reclami telefonia: Tim, Vodafone, Wind, H3G

abc reclami telefoniaQuesto ABC telefonia presenta una rapida panoramica dei reclami più comuni relativi alla bolletta di telefonia, fornendo ai consumatori alcuni semplici consigli per difendersi.

Non sempre, infatti, il consumatore riesce ad avere il controllo sul proprio traffico telefonico e il risultato può essere una bolletta esorbitante. D’altra parte le compagnie telefoniche, talvolta, attivano alcuni servizi senza che l’utente ne abbia mai fatto richiesta: si tratta di pratiche commerciali scorrette che danno diritto ad un rimborso.

Vediamo, dunque, quali sono i reclami più frequenti denunciati agli sportelli dell’Unione Nazionale Consumatori:

  • la richiesta di migrazione ad altro operatore o il recesso da un contratto (fisso o mobile) non viene eseguita, o peggio, si arriva ad una doppia fatturazione;
  • l’operatore telefonico attiva servizi supplementari senza aver ricevuto alcuna richiesta da parte del consumatore;
  • durante l’utilizzo di un’App sul proprio smartphone, inavvertitamente si clicca su un banner pubblicitario, che attiva un servizio a pagamento (oppure queste si aggiornano automaticamente scaricando traffico dati all’insaputa dell’utente);
  • per quanto riguarda il roaming, è stato abolito dal 15 giugno 2017;

Ed ecco come difendersi:

  • chiedere al proprio operatore telefonico di disattivare i servizi che non sono ritenuti necessari ed escludere la possibilità di attivare servizi a sovrapprezzo sul proprio abbonamento;
  • in caso di dubbio su specifici servizi, richiedere subito al proprio operatore la disattivazione del servizio non richiesto e il rimborso delle somme non dovute;
  • quando non si vuole effettuare traffico dati all’estero disattivare il roaming dati per evitare di incorrere in tariffe aggiuntive per la navigazione web, l’utilizzo dell’e-mail, MMS e altri servizi dati;
  • nelle impostazioni dello smartphone selezionare l’opzione che prevede l’aggiornamento delle APP solo se autorizzato dall’utente (disattivare l’aggiornamento automatico);

Se hai bisogno di aiuto, contattaci attraverso lo sportello sul nostro sito cliccando sul logo del tuo operatore per ricevere la nostra assistenza personalizzata.

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 18 luglio 2017

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Alessandra Chiappara

Buongiorno,

due mesi fa sono tornata dopo 5 anni all’estero e ho attivato una scheda italiana con TIM. Abbonamento mensile 15 euro. Dopo circa due settimane provo a telefonare e mi viene comunicato che il mio credito era -15 quindi, quindi inserisco 30 euro per ribilanciare e utilizzare il telefono di cui avevo bisogno. Chiamo la TIM per capire cosa fosse successo e mi comunicano che avevo attivato qualcosa che mi prosciugava il credito, Non avendo attivato nulla almeno di mia volontá decido di passare a Wind per totale mancanza di professionalitá e soprattutto di una soluzione. ettimana succesiva pago 30 euro per passare a Wind, dopo 4 giorni clicco su un’articolo su facebook e mi arriva un messaggio dicendo complimenti per l’attivatione di questo servizio che costa 5 euro a settimana. Chiamo wind immediatamente e loro mi dicono che non si occupano di internet peró vedono esattamente cosa ho attivato quanto credito ti cnsumano e possono anche inserire un blocco che non mi spiegano perché non inseriscono all’attivazione. Insomma la compagnia DEVE occuparsi anche della sicurezza del tuo credito. Questa e’ una truffa per fregare soldi. Anche ad un’amica e’ successo esattamente la stessa cosa. Siete le due piú grandi compagnie nazionali e siete vergognose.

Emiliano

Buonasera, nel mese di luglio 2017 ho chiamato Tim per dare disdetta del mio contratto smart, l’operatore mi ha confermato che bastava la chiamata che in quel momento veniva registrata. Mi sono arrivate altre bollette che ho pagato per il bimestre successivo. A gennaio 2018 mi arriva un’altra bolletta. Chiamo il187 e mi dicono di non pagarla perché risulta che mi devono rimborsare dei soldi e sarò ricontattato entro 3 giorni. Non sento nessuno fino al 3 febbraio quando mi richiama Tim per dirmi che devo pagare la bolletta perché la disdetta che ho dato 7 mesi fa non è valida. Dovrei mandare una raccomandata. Io ho semplicemente riattaccato. Come devo fare?

Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online