ENERGIA: 2 miliardi contro caro bollette, bene ma non basta.

Il Governo sta stanziando 2 miliardi in manovra contro i rincari di luce e gas  destinati al primo trimestre 2022. E’ un passo avanti, ma non basta.

Roma, 28 ottobre 2021 – “Bene, ma non basta! E’ un passo avanti concentrare i 2 miliardi nel primo trimestre 2022, invece che spalmarli nel corso di tutto l’anno, ma, per evitare una mega stangata, di miliardi ne servono almeno 4” afferma Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando la novità contenuta nel testo della manovra approvato oggi dal Consiglio dei ministri, secondo il quale i due miliardi previsti per contrastare gli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale saranno destinati al primo trimestre 2022.

“Ricordiamo che Stefano Besseghini, presidente di Arera, in audizione al Senato, ha affermato che, stando alle attuali quotazioni del gas, nel prossimo trimestre ci sarà un rialzo analogo a quello in corso, per il quale il Governo aveva stanziato 3,5 miliardi per contenerlo, miliardi che però non sono bastati per impedire un rincaro record del 29,8% per la luce e del 14,4% per il gas” prosegue Vignola.

“Ecco perché di miliardi ne servono il doppio. Inoltre, non c’è alcuna traccia di una riforma strutturale degli oneri di sistema o di una riduzione dell’Iva sul gas che chiediamo da anni. Insomma, una misura tampone per i rialzi imminenti, nella speranza che nel frattempo le quotazioni internazionali del gas calino” conclude Vignola.

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.
Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma