COMMERCIO: la liberalizzazione degli orari non si tocca, nonostante gli scioperi

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

I commercianti annunciano scioperi a Pasqua per protestare contro le aperture  festive. Per Unc la deregulation sancisce la libertà di impresa di poter aprire senza vincoli anacronistici .

Roma, 30 marzo 2018 – Lo sciopero contro le aperture festive, previsto per la prossima Pasqua, secondo la Confcommercio conferma che la deregulation è stata un disastro per il settore e ha portato alla cessazione di almeno 90 mila piccoli negozi.

“I commercianti non prendano scuse! Se hanno chiuso molti piccoli negozi è per via della crisi e dei consumi che, per quanto in leggera risalita, sono ancora al palo. Se le famiglie si sono spostate dai negozi di vicinato alla grande distribuzione e ai discount è solo perché, non riuscendo ad arrivare alla fine del mese, sono in costante ricerca di offerte promozionali e sconti” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Giù le mani, quindi, dall’apertura libera dei negozi e no alle speculazioni e ai tentativi di modificare una norma che sancisce la sacrosanta libertà di impresa di poter aprire senza vincoli anacronistici e restrizioni tipici di un’economia dirigistica che non funziona più in nessun paese al mondo” prosegue Dona.

“Non accettiamo, poi, che si usino strumentalmente i lavoratori come paravento. Il diritto al riposo settimanale del singolo lavoratore è sacrosanto e non ha nulla a che fare con l’apertura 24 ore su 24 o quella domenicale. Se, invece, di fare contratti di lavoro part-time di tipo verticale per il week-end ci sono commercianti che sfruttano i dipendenti, imponendo orari di lavoro impossibili, allora si combattano gli abusi ed i sindacati ed il legislatore si occupino di questo problema” conclude Dona

 

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online