Chiamate indesiderate: pericoloso passo indietro

Peggiorato il disegno di legge sul registro delle opposizioni, che prevedeva un prefisso unico nazionale per le chiamate telefoniche a scopo promozionale. Il prefisso unico anti-scocciatori raddoppia: uno per riconoscere le chiamate commerciali ed un altro per le indagini statistiche. Inoltre il testo consente ora agli operatori che non si adeguano al prefisso unico, la facoltà di presentare l’identità della linea a cui possono essere contattati.

Infine, rispetto al passato, sono fatti salvi i consensi prestati nell’ambito di specifici rapporti contrattuali in essere, ovvero cessati da non più di trenta giorni aventi a oggetto la fornitura di beni o servizi, per i quali è comunque assicurata, con procedure semplificate, la facoltà di revoca.

Si tratta di un pericoloso passo indietro che vanifica quanto di buono si era approvato finora per la difesa della privacy dei cittadini.

Consentendo la facoltà di non adeguarsi al prefisso unico, con l’unico obbligo di dare la possibilità  al consumatore di poter ricontattare l’operatore, non solo si elimina a tutti gli effetti il prefisso unico, ma si fa un pericoloso autogol, visto che se l’utente decidesse di richiamare, cadrebbe dalla padella alla brace, e verrebbe sottoposto ad un’aggressiva politica di marketing.

Pessima anche l’idea di salvare i consensi prestati nell’ambito di specifici rapporti contrattuali in essere. Prestati nell’ambito, infatti, significa che non solo saranno salvati i consensi che abbiamo volontariamente dato alla nostra banca, cosa condivisibile, ma anche quelli che poi la banca ha ceduto a terzi solo perché, per disattenzione o per la fretta, abbiamo messo una crocetta di troppo. Così facendo il consumatore non riuscirà più a riappropriarsi dei propri dati.

Continua a seguirci per essere sempre aggiornato sul tema e sostieni la nostra campagna #nondisturbarmi: se non l’hai ancora fatto firma la nostra petizione!

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 22 novembre 2017

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Pietro Guandalini

Ottima la vs. campagna per combattere le molestie telefoniche. E’ l’ iniziativa più encomiabile da voi promossa. INSISTETE!!!

Nicole Gronier

Sono d’accordo sul fatto che bisognerebbe avere un prefisso unico per tutta la pubblicità. Non se ne può più. Il telefono di casa ed il cell siinamo di continuo e non di riconosce nessuno.

Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online