Come dire stop alle chiamate indesiderate

stop chiamate indesiderateNon si ferma la protesta dei consumatori che scrivono alle associazioni dei consumatori per chiedere come difendersi da quelle chiamate indesiderate che ci tormentano a tutte le ore del giorno da parte di call center spesso insistenti e aggressivi che disturbano con l’obiettivo di vendere qualcosa a tutti i costi, magari indurci a cambiare operatore di telefonia o di energia, presentandoci contratti convenienti soltanto sulla carta!

Purtroppo attualmente non ci sono delle regole severe ed efficaci che mettano un freno all’aggressività di alcuni operatori e d’altra parte, il Registro Pubblico delle Opposizioni, che doveva servire a chi si iscrive per esprime il diritto di opposizione alle chiamate di telemarketing si è rivelato un fallimento. Il problema è che se abbiamo già espresso il nostro consenso al trattamento dei dati magari in altre occasioni (come ad esempio per sottoscrivere una carta fedeltà o qualsiasi contratto) il telefono continuerà a squillare!

Cosa fare dunque?

Allo stato attuale, per difendersi è utile ricordare che è nostro diritto sapere dove è stato reperito il nostro numero (cioè il soggetto a cui abbiamo ceduto i dati per usi pubblicitari) e che il nostro consenso può essere revocato inviando una raccomanda A/R con la richiesta di cancellazione. Inoltre si può fare una segnalazione al Garante della Privacy o alla Polizia Postale.

L’arma migliore, comunque, rimane la prevenzione: firmare solo il consenso obbligatorio, quello cioè necessario per fruire di un servizio, evitando accuratamente di mettere altre firme (o flaggare caselle) per fini commerciali o per la cessione di dati a terzi che non devono essere obbligatori. E’ bene, inoltre, concedere con parsimonia il proprio numero di telefono (meglio evitare ad esempio di metterlo sui social-network) e non dare consensi telefonici all’attivazione di contratti.

Ma a tutto ciò naturalmente si aggiunge l’urgenza di una seria riforma del “sistema call-center”. Per questo motivo Unione Nazionale Consumatori, Cittadinanzattiva, Movimento Difesa del Cittadino e Udicon lanciano la petizione per un teleselling rispettoso della privacy e delle persone (#nondisturbarmi).

FIRMA LA PETIZIONE “STOP CHIAMATE INDESIDERATE”

 

Ecco in sintesi i punti chiave della petizione “Stop chiamate indesiderate”:

1) Introduzione di un meccanismo di corresponsabilità tra l’azienda che avvia la campagna e il call-center che fa le telefonate (per evitare rimpalli di responsabilità e di dover perseguire piccoli call-center con sede all’estero), prevedendo anche un attività di monitoraggio e di educazione da parte del gestore.

2) Potenziamento del Registro pubblico delle opposizioni, così da ampliarne le prerogative prevedendo: la possibilità di iscrivere anche i numeri di cellulare e soprattutto che una volta iscritto il proprio numero, si possano così “cancellare” tutti i precedenti consensi (in modo tale da consentire al cittadino di riprendere il pieno controllo dei propri dati).

Sarebbe inoltre preziosa l’istituzione di un Registro per censire le campagne promozionali (con indicazione dell’operatore che lancia la campagna, il periodo di riferimento e i numeri utilizzati per chiamare i consumatori) così da evitare all’utente di dover fare indagini complicate per scoprire chi lo ha disturbato

3) Incentivare gli operatori a gestire meglio i dati in loro possesso: il sistema attuale è costruito in modo tale da disincentivare le buone pratiche. Oggi, infatti, il pagamento alla Fondazione Ugo Bordoni (che si occupa del Registro) è proporzionale all’attività di scrematura dei numeri: tanto più pulisce le liste, tanto più l’azienda deve pagare la Fondazione. Ma in questo modo si disincentivano le imprese a cancellare i numeri (di fatto questi preferiscono pagare le sanzioni), mentre sarebbe meglio stabilire il pagamento in base al fatturato.

Firma la nostra petizione e dì la tua su Facebook e Twitter attraverso l’hashtag #nondisturbarmi

Scarica i poster Uomo e Donna della campagna!

Leggi a riguardo l’intervista di Massimiliano Dona su Key4biz

Autore: Simona Volpe
Data: 8 ottobre 2016

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

fabio

la cosa ridicola è che se si è richiesta la cancellazione dall’elenco telefonico, ovviamente per non essere disturbati, non ci si può iscrivere al Registro delle Opposizioni

Armando Viapiano

Nell’attesa di trovare il santo gral,come per la legge elettorale e non potendo tagliare le dita della mano ai “disturbatori professionisti” sono
daccordo con Carlo (20.06.2017) di ” sanzionare i molestatori tramite i
tabulati telefonici su segnalazione dell’utente ” però a favore dell’utente stesso, diciamo per un importo di 100,– .€ per ogni chiamata !!!!!!!
Pertanto è ormai assodato che le varie AUTORITY sono solo dei fantocci di paglia che tirano a campare senza incidere sui problemi,
ma sono solamente dei carrozzoni di illusioni e come muri di gomma
rimbalzano i problemi a catena finché il cittadino esausto ci rinuncia.
Una soluzione drastica ha risolto le casse di alcuni Comuni mediante
l’installazione di autovelox / tutor / ZTL quindi non serve pagare professionisti o amici per nuovi progetti, basta copiare ciò che già esiste e per una giusta causa ” la sanzione entro 30 gg. dalla denuncia
da parte del cittadino” .-

CARLO A ALBERTONI

Non sarebbe più semplice sanzionare i molestatori tramite tabulati telefonici dopo segnalazione dell’utente ? Per l’Italia questa sarebbe fantascienza ! Meglio una procedura complicata e inattuabile. Chi mi disturba tutti i giorni va sanzionato pesantemente tramite leggi e regolamenti che esistono di già

Algei

Firmo, ma non serve: siamo di fronte ad un fenomeno delinquenziale e i delinquenti non si fermano davanti a nuove regole. Tanto per fare un esempio, uno dei tanti, quando chiedo dove è stato reperito il mio numero staccano la conversazione. Che cosa dovrei fare, intentare un’azione giudiziaria? Su quali basi?
Penso che la sola difesa efficace dei consumatori sia quella di intraprendere una battaglia per la proibizione del telemarketing, con sanzioni severe per chi effettua telefonate indesiderate. Il telemarketing è ormai diventato un veicolo non solo di stalking, ma di azioni truffaldine che devono essere stroncate senza mezzi termini.
A difesa delle persone più deboli si potrebbe intanto istruirle a non accettare mai, per nessuna ragione, offerte telefoniche e a non dare mai il consenso non obbligatorio, sarebbe altresì bene abolire il consenso obbligatorio , inutile e ridondante, che ingenera confusione nei meno esperti.

Lucio

E’ la sesta volta in meno di un mese che l’ENEL mi chiama per propormi di installare un fotovoltaico. A nulla servono le mie rimostranze e i mie dinieghi.
Sono arrivati al punto di dire che per legge loro liberi di telefonare e sta a me non alzare la cornetta. Sempre per legge “Lei è tenuto a passare al fotovoltaico”.
Siamo pecore senza autodeterminazione? Come è possibile che nessuno si muova per fermare questa arroganza?

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori