L’esperto risponde su… roaming

commenta  |  pdf

Ho sentito parlare dell’ “addio al roaming”, ma quindi non si pagano più le chiamate internazionali?

No, l’addio al roaming non cancella i costi aggiuntivi delle chiamate internazionali. Chi dall’Italia telefona in Spagna continuerà a pagare esattamente come prima. Il proprietario di una Sim card italiana che effettua una chiamata dall’Italia verso la Spagna, paga la tariffa internazionale. Lo stesso accade se dall’Italia chiamo un amico spagnolo che è venuto a trovarmi, ma che usa ancora una scheda spagnola. Le chiamate fatte dal proprio paese di residenza verso un paese straniero, anche se nell’UE, non rientrano, infatti, nel roaming e non sono regolate.

I costi aggiuntivi delle chiamate internazionali non sono stati, quindi, cancellati e si pagano esattamente come prima.

Il risparmio e le nuove regole valgono solo quando si viaggia in un altro paese dell’UE, cioè se andando in Spagna chiamo in Italia. In particolare, se si ha una scheda italiana e si viaggia in Spagna, allora se si effettua una chiamata verso un hotel in Spagna, si chiama in Italia oppure un qualsiasi altro paese dell’Unione Europea, allora si è in roaming e si potrà usufruire dei nuovi diritti, pagando i prezzi nazionali italiani.

HAI BISOGNO DEL NOSTRO AIUTO IN TEMA DI TELEFONIA? SCRIVICI ALLO SPORTELLO DEDICATO

Scopri tutte le nostre FAQ

Autore: Mauro Antonelli
Data: 21 luglio 2017

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori