#nofattura28giorni: le dichiarazioni di Calenda e la diffida dell’Agcom a Sky

8 commenti  |  pdf

La scorsa settimana vi avevamo lasciati con la notizia della smentita dei rimborsi da parte di Tim e WindTre, ma anche con la proposta di legge dell’on. Morani che prevede l’obbligo della fatturazione dei servizi su base mensile.

Negli ultimi giorni abbiamo assistito a nuovi sviluppi nella vicenda sulla fatturazione a 28 giorni: l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha deciso di diffidare Sky Italia in relazione alla decisione di fatturare a partire dal primo ottobre ogni 4 settimane e non più su base mensile, chiedendo una completa informativa agli utenti, anche sull’esercizio del diritto di recesso.

Una buona notizia, dunque, alla quale ci sembrava essersi aggiunta quella legata alle dichiarazioni del ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, che aveva appunto dichiarato che l’intervento per evitare le cosiddette bollette a 28 giorni e riportare la fatturazione degli operatori tlc a un mesesarebbe arrivato o come emendamento al dl fisco o nella legge di bilancio.

A queste affermazioni ne sono però seguite delle altre: Carlo Calenda ha dichiarato che sulla fattura a 28 giorni da parte delle società di tlc ci sarà certamente una misura “pro-futuro” in manovra.

Se quel “pro futuro” significa che non sarà previsto un indennizzo per i consumatori che stanno ora pagando l’8,63% in più del dovuto, allora è una grande delusione. Anche da parte dei partiti di maggioranza, vedasi la proposta dell’on. Morani del PD, è prevista la restituzione di quanto indebitamente percepito dalla compagnie telefoniche.

Altrimenti saremo costretti ad intraprendere migliaia di azioni legali, intasare i Corecom o avviare interminabili class action per vedere restituire agli utenti l’incremento delle bollette verificatosi dall’entrata in vigore della delibera la 121/17/CONS al momento del varo della manovra. Ed è proprio su questo che fanno affidamento le compagnie telefoniche, per potersi arricchire alle spalle dei consumatori e delle famiglie.

Ecco perché è importante che continuiate a seguirci e aderiate alla nostra campagna #nofattura28giorni, chiedendo anche ai vostri amici di firmarla (basta un click qui: https://www.consumatori.it/nofattura28giorni ); chi può farlo, posti questo link sui forum o sulle proprie pagine di Facebook, Twitter e altri social.

Non è ancora vinta, ma l’unione fa la forza: tutti insieme possiamo fermare gli aumenti camuffati!

Per saperne di più, leggi Tutto quello che c’è da sapere su fatturazione a 28 giorni

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 25 ottobre 2017

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Massimo

questa volta ci dimostrassero i nostri politici di fare effettivmente i nostri interessi,e non fingere di farlo in attesa che tuto poi finisca nel dimenticatoio a favore delle multinazionali,fate qualcosa per i cittadini qualche volta.

Cristian

La farsa dei politici nel mostrare continuamente di difendere il popolo è il copione quotidiano che affligge il Paese. Fuori dalla Tim e da tutte le compagnie che attuano illegalmente la fatturazione a 28 giorni. Occorre dare l’esempio.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Non rinuciare a difenderti!

Difendere i propri diritti può essere frustrante, soprattutto se si ha di fronte una grande azienda. Ma con accanto un'associazione che ha 60 anni di esperienza nella tutela del consumatore diventa semplice.

Se hai dubbi o difficoltà ricorda che puoi sempre chiamarci allo 06 32600239. Ti risponderemo e cercheremo di risolvere insieme il tuo problema.

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida