Come difendersi dal recupero crediti aggressivo

società recupero creditiRecupero crediti aggressivo: è il motivo per cui, a seguito della nostra segnalazione, l’Autorità Antitrust ha sanzionato numerose società operanti nel settore del recupero crediti, contestando l’adozione di pratiche scorrette per il pagamento -su incarico di diversi committenti- di presunti crediti, infondati o prescritti.

Numerosi consumatori si sono rivolti alla nostra associazione, infatti, denunciando di aver ricevuto da parte degli operatori del recupero crediti comunicazioni dai toni piuttosto aggressivi: in alcuni casi è stata addirittura preannunciata la visita di un funzionario a casa o sul posto di lavoro per “ritentare la composizione bonaria del debito”, mentre altri consumatori sono stati invitati a contattare una numerazione a pagamento, per presunte “verifiche amministrative”.

Purtroppo, complice la crisi economica, il recupero crediti sembra diventato il business del momento e numerosi cittadini segnalano ai nostri sportelli di aver subito vessazioni e altri condizionamenti. Su questi comportamenti sono intervenuti ripetutamente tanto l’Autorità della Concorrenza e del Mercato che il Garante della Privacy indicando le misure necessarie perché tutto si svolga nel rispetto dei principi di liceità e correttezza.

Come difendersi dal recupero crediti illegittimo?

La prima cosa alla quale dobbiamo prestare attenzione è la corretta verifica circa la reale esistenza del debito: teniamo in considerazione che alcune società si affidano a comunicazioni improvvisate che sono facilmente riconoscibili perché il riferimento alla posizione debitoria è molto superficiale e generico (si tratta spesso di messaggi “standard” che ci arrivano via e-mail oppure per posta).

In generale, è illegittima ogni modalità di ricerca del debitore, presa di contatto, sollecitazione che sia lesiva della sua riservatezza o della dignità personale: si pensi a quelle sgradite sollecitazioni sull’utenza telefonica fissa o mobile, all’invio di messaggi Sms, a comunicazioni telefoniche il cui contenuto è preregistrato e quindi poste in essere senza l’intervento di un operatore con il rischio che soggetti diversi dal destinatario vengano a conoscenza del contenuto di chiamata. Ma si arriva persino alle visite a domicilio o sul luogo di lavoro, talvolta con apposizione di messaggi sulla porta di casa idonei a violare le più elementari regole di rispetto della privacy. Può persino capitare di ricevere un Atto di citazione a comparire dinanzi ad un Giudice di pace di un luogo diverso dalla nostra residenza, ma andrebbe verificato con cura perché spesso si tratta solo di intimidazioni.

Insomma, è bene fare attenzione a tutte quelle affermazioni non veritiere utilizzate per indurre i consumatori a pagare: non è vero che il mancato pagamento di un debito può comportare il carcere, trattandosi di un inadempimento di natura civilistica; non è vero che può portare alla dichiarazione di fallimento, per la quale è sempre necessaria un’apposita procedura preceduta dalla emissione di un decreto ingiuntivo o di una sentenza; non è vero che al mancato pagamento può far seguito il pignoramento dei beni (o addirittura dello stipendio) perché anche in questo caso è necessario che intervenga un provvedimento del giudice; non è vero che si rischia l’iscrizione nella “banca dati dei cattivi pagatori” perché questa è possibile solo se il debito è stato contratto con una banca con una finanziaria.

Ricordiamo che per problemi con società di recupero crediti aggressivo è possibile contattare i nostri esperti utilizzando lo sportello di assistenza alle vittime di recupero crediti aggressivo.

Sul tema è intervenuto anche il Garante per la Protezione dei dati personali con il vademecum “Privacy e recupero crediti” 

Autore:Unione Nazionale Consumatori
Data: 30 maggio 2016

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Sabrina

Sono diverse volte che ricevo telefonate da parte di Kruk Italia dicono che hanno comunicazioni che mi riguardano ma se non comunico loro la mia data di nascita non possono dirmele. Secondo voi è normale? Io ho risposto che dal momento che mi chiamano sanno chi sono e che comunque per telefono potrei essere chiunque e sapere la data di nascita della persona che cercano. Gli ho detto di mandarmi una raccomandata mi hanno chiesto la mia mail. Chi conosce questa società Kruk Italia? Sono autorizzati a fare queste telefonate per giunta un po’ aggressive? Grazie per il vostro aiuto

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Grazie a tutti per i commenti! Ricordiamo che per avere l’assistenza dei nostri consulenti è possibile contattarci attraverso gli sportelli in home page, grazie!

paolo acquaro

Buonasera, scrivo da Milano per una situazione paradossale. Nel 2009 chiedevo un prestito tramite dealer esterno di Unicredit; il prestito viene concesso senza alcuna garanzia richiesta e dopo che da Unicredit hanno visto che sono dipendente pubblico (per euro 830 al mese in quel tempo). Però ecco arrivare la prima sgradita sorpresa: il prestito viene erogato in tre tempi diversi, causando tre prestiti e tre rid. Orbene su 830 euro di cui già attiva la cessione del V°, fido e prestito di Intesa dove avevo il conto con rid 70 euro, si aggiungono tre rid di Unicredit per euro 96 + 70 + 161. Nessuna volontà di Unicredit a consolidare prestito e rid per loro problemi interni ma così non è stata rispettata la legge che prevede il non superamento del 35 % di trattenute sullo stipendio netto. Da settembre 2011 non sono più riuscito a pagare i rid ad Unicredit; di 8.000 euro ricevuti avevo restituito euro 5.100 su un lordo di euro 12.000 circa. Non sento più nessuno, a parte le solite lettere (non A/R) e telefonate minatorie sul telefono aziendale (come lo avranno avuto?) fino a giugno 2016 quando arriva la busta verde A/R col decreto ingiuntivo da Danubio e Cerved che hanno proposto al Giudice.
Succede questo: viene proposta al Giudice la somma di euro 12.000 per intero, non riconosciute da Unicredit euro 5.100 prelevate via rid dal mio conto corrente e visibili sull’estratto conto mio e della stessa Unicredit; delle due richieste fatte al Giudice, lo stesso ne concede una sola e tempo 40 giorni per la soluzione tra le parti o il prelievo forzoso.
Non ricevo più alcuna comunicazione malgrado la mia volontà di offrire prima euro 5.000, poi 7.500 (un tot al mese ovviamente) che avrebbero valutato e fattomi sapere.
Vige il silenzio. Ad aprile 2018 arriva la seconda busta verde A/R con riportato ‘copia e incolla’ il testo della precedente, esclusa la data di aprile 2018. Orbene: non ho beni intestati se non il solo stipendio; già attiva la cessione del V°; nessun altro prestito in essere ed accesso bloccato da ani a fidi o prestiti con segnalazione in ‘sofferenza’; anche se potessi chiudere a saldo e stralcio resterebbe iscritta nelle sofferenze la quota di differenza non restituita; emerge un aspetto di truffa perchè in Banca d’Italia la somma reale non è 12.000 euro ma circa 8.000 euro e se aggiungiamo che si sono intascati già 5.100 euro via rid direi che la truffa c’è; oggi 10 maggio 2018 ricevo anche una gentile mail cui mi invitano a contattare una delle loro sedi per notizie che mi riguardano e proseguono con parole estremamente gentili (che mi sanno di falso). Io non intendo contattare nessuno.
Il peggio è che ciò è un aspetto nettamente civile ed io non ho un legale e non trovo nessun legale qui a Milano che mi dia un aiuto. Purtroppo con sole 1.000 euro mensili e bloccata ogni richiesta di prestiti mi diventa difficile dare 2.500 – 3.000 euro per intero ad un avvocato e non ho diritto al patrocinio grat.
Cosa posso fare? Fino a che punto mi devo preoccupare?
Grazie, Paolo di Milano
potete gentilmente rispondermi anche in privato a poetapittore@libero.it

Antonio Guido

Ricevo una lettera per un abbonamento a Sky più il bolettino per il pagamento e insieme un addebbito per recupero credito di 38 euro.E possibile è la prima volte che ricevo questa lettera è gia mettono recupero credito.Mi chiama una avvocatessa dalla Romania mi dice lei deve pagarci Io volevo chiedere da dove prendono questo importo e lei dice procediamo io credevo che mi dicesse come avevano fatto a risalire a questo inporto e lei mi ha chiuso il telefono.Che modi barbari pagare e stare zitto?

Rosalinda Pinto

Ricevo da mesi prima via telefonica poi via mail minacce di insoluti pregressi da parte di Edison energia. Peccato che non sia mai stata loro cliente. Com’è possibile che mi contattino? come hanno avuto il mio numero?

Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online