Televendite: attenti all’inganno

Nonostante ormai le vendite a distanza abbiano diverse forme molto più moderne, le televendite rimangono un canale di acquisto molto apprezzato dai consumatori. Il problema è che in alcuni casi si rivelano delle vere e proprie truffe: non è così raro, infatti, che agli sportelli della nostra associazione i consumatori denuncino di aver acquistato spille, collane, anelli e bracciali spacciati per antichi durante popolari televendite, ma che in realtà si rivelano prodotti scadenti di nessun valore

Il raggiro più comune legato alle televendite è vendere  merce diversa da quella mostrata in televisione, di valore nettamente inferiore. Un classico, in tal senso, sono le pietre preziose che una volta arrivate a casa dell’acquirente si “tramutano magicamente “in vetro. Per questo bisognerebbe comprare solo prodotti da aziende di cui si conosce la serietà.

I consigli quando si acquistano prodotti da televendite

Se ami fare shopping con il telecomando, ecco qualche consiglio per evitare truffe o brutte sorprese:

  1. Stare alla larga da prezzi troppo vantaggiosi: un gioiello o un’opera d’arte autentica non possono costare poche centinaia di euro. Il rischio è incorrere in un falso. Cerca di informarti in anticipo sul valore di mercato di ciò che vuoi acquistare e non fidarti se la cifra proposta è inferiore del 40% o più.
  2. Verificare che il costo della spedizione sia indicato in modo chiaro: un generico “più spese di consegna” può riservarti una sorpresa da decine di euro. Se la somma precisa non è scritta in sovrimpressione, richiedila al centralino.
  3. Esaminare sempre le condizioni di vendita:  se scorrono sullo schermo in modo troppo rapido o con caratteri microscopici meglio evitare quell’offerta.
  4. Assicurarsi che il venditore sia rintracciabile: per lo shopping in tv scegli canali che occupano sempre le stesse frequenze e, prima di acquistare, verifica che esista un sito internet con tutti i riferimenti utili per individuare il tuo interlocutore a cominciare da una sede “fisica” facilmente verificabile.

Il diritto di cambiare idea

Come per tutti i contratti a distanza è bene ricordare che il cliente può sempre cambiare idea (anche se il prodotto risponde alla descrizione e non è danneggiato) inviando al venditore una raccomandata con avviso di ricevimento, o un fax, o una e-mail, entro 14 giorni dalla data in cui ci è arrivata la merce, o da quella di conclusione del contratto d’acquisto nel caso di un servizio.

Dalla data della comunicazione avremo poi altri 14 giorni di tempo per rimandare indietro il prodotto pagando le spese di spedizione, a meno di accordi diversi. Mentre il venditore entro 14 giorni dal ricevimento del nostro avviso avrà l’onere di restituire tutte le somme ricevute, usando lo stesso strumento utilizzato da noi per pagare, salvo nostra diversa richiesta. 

Per avere assistenza per problemi con le televendite e in generale le vendita a distanza è possibile contattare i nostri esperti. 

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 7 marzo 2017
Aggiornamento: 8 giugno 2021

 

 

I commenti sono attualmente chiusi.

Avatar
Rita

Mia madre è vittima di queste televendite, cosa possiamo fare per tutelarci?

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.


Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma