Vacanza rovinata: come chiedere il rimborso

vacanza rovinata

Vacanza rovinata? E’ questo il momento di reclamare! 

Proprio i questo periodo dell’anno, infatti, lo sportello Turismo-Viaggi della nostra associazione gestisce numerosissimi casi di vacanza rovinata per colpa di sistemazioni alberghiere che non rispettano le aspettative dei clienti, ritardi dei mezzi di trasporto e altri numerosi disservizi (come ad esempio la perdita del bagaglio, fino ad arrivare a vere e proprie truffe per le case vacanze). 

In generale, in caso di pacchetto turistico, ecco  cosa fare in caso di vacanza rovinata:

  • entro 10 giorni dal rientro, nel caso di difformità o disservizi, formalizzare un reclamo con richiesta di rimborso a mezzo lettera raccomandata a.r. indirizzata all’agenzia di viaggi, al tour operator e per conoscenza all’Unione Nazionale Consumatori;
  • conservare, in ogni caso, il catalogo, la documentazione di viaggio e la documentazione comprovante l’eventuale inadempimento del tour operator.

L’Unione Nazionale Consumatori offre ogni anno assistenza a migliaia di consumatori che ci segnalano problemi di questo tipo.

Se vuoi ricevere assistenza personalizzata, vai allo sportello Turismo-Viaggi.

Viaggi e Covid-19

Questa, come detto, è stata un’estate particolare ancora una volta a causa della pandemia Covid-19. Se le vacanze nell’estate 2021 sono annullate a causa di restrizioni comunitarie negli spostamenti o alla decisione di altri Paesi stranieri di precludere l’ingresso ai turisti, il consumatore ha diritto al rimborso o a un voucher. Se invece è il consumatore a decidere di non partire perché ha cambiato idea o non si sente sicuro, pur non essendoci restrizioni e passati i termini per la disdetta, la controparte (che sia una compagnia di trasporti, un tour operator, un albergo o altro) non è tenuta a riconoscere alcun rimborso, voucher o compensazione di altro tipo. Conviene in ogni caso comunicare per iscritto l’annullamento e se necessario chiedere l’aiuto dei nostri esperti.

Diverso naturalmente è il caso del consumatore che non può partire perché è in quarantena o in isolamento fiduciario (trattandosi di motivazioni equiparabili ad un impedimento dovuto alla malattia): in questo caso consigliamo di inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno alla compagnia o all’albergo spiegando la situazione, allegando il certificato medico che attesta la malattia o la quarantena e chiedendo il rimborso del biglietto. Anche in questo caso gli esperti della nostra associazione sono disponibili a supportare i consumatori in difficoltà.

Leggi anche Green pass e trasporti: le nuove regole 

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 6 settembre 2021

 

I commenti sono attualmente chiusi.

santino

Buongiorno
Ho acquistato un pacchetto all inclusive presso villaggio turistico fabilia a Rosolina mare con accessibilita persone con ridotta mobilità purtroppo il bagno e tutta la struttura non era accessibile ed il personale totalmente impreparato e incivile nel accogliere le persone con disabilità nel mio caso un minore .
Ho richiesto incontro con dirigenza villaggio ma si sono negati più volte .
Quali azioni di possono intraprendere perché questo segno di inciviltà non si ripeta ?
Saluti

La Redazione UNC

Buongiorno, ci dispiace molto per quanto le è accaduto. I nostri esperti possono provare ad aiutarla, ma per farlo dovrebbe contattarci attraverso lo SPORTELLO TURISMO-VIAGGI dandoci maggiori dettagli e allegando le carte in suo possesso.

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.

Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma