Vittima di una vacanza rovinata? Ecco cosa fare per avere il risarcimento

4 commenti  |  pdf

vacanza rovinataRitardi aerei, strutture alberghiere inadeguate e bagagli smarriti sono solo alcuni dei disagi che fanno di una vacanza, una vacanza rovinata. Il termine “vacanza rovinata” è usato per identificare il danno corrispondente al disagio psico-fisico subito dal turista per non aver goduto pienamente delle proprie ferie ed è ormai riconosciuto da anni come il diritto a ottenere un risarcimento nel caso in cui negligenze o ritardi non abbiano consentito di godere appieno delle proprie ferie.

Se anche tu sei rimasto vittima di una “vacanza rovinata”, leggi i nostri semplici consigli e non esitare a contattare i nostri esperti attraverso lo sportello Turismo-Viaggi

Cosa fare per ottenere un risarcimento in caso di  vacanza rovinata?

–  non dimenticare che c’è un termine di 10 giorni dal rientro per formalizzare un reclamo con richiesta di rimborso o risarcimento del danno scrivendo una lettera raccomandata a.r. indirizzata all’agenzia di viaggi e al tour operator (non dimenticare di scrivere anche a noi una copia per conoscenza: Unione Nazionale Consumatori, Via Duilio 13, 00192 Roma);

– tieni presente che se hai acquistato un pacchetto turistico tutto compreso, la tua richiesta dovrà essere indirizzata all’organizzatore e non al singolo fornitore di servizi turistici (quindi non scrivere alla compagnia aerea per ritardo o smarrimento del bagaglio);

– ricorda di conservare il catalogo, la documentazione di viaggio e ogni altro elemento comprovante l’inadempimento del tour operator;

– la protezione assicurata al consumatore turista in caso di vacanza rovinata non cambia se hai comprato un viaggio, una vacanza o un pacchetto turistico online;

L‘Unione Nazionale Consumatori si occupa con successo di reclami turistici da oltre trent’anni, quindi il nostro sportello è in grado di fornire la migliore assistenza ai consumatori che ci segnalano disservizi e contrattempi di qualsiasi genere.

Ricorda che potremo aiutarti meglio se ci dai il maggior numero di informazioni: indica chiaramente le tue generalità (complete di recapito telefonico e provincia di residenza), il nome del tour operator, la ragione del reclamo.

I nostri esperti risolvono ogni anno migliaia di contenziosi e reclami per il consumatore turista: dal risarcimento per viaggio annullato al disservizio turistico causato da strutture inadeguate e non rispondenti a quanto pubblicizzato, fino ai casi di vera e propria vacanze truffa, magari per soggiorno acquistato online da agenzie fantasma.

Se vuoi ricevere assistenza personalizzata, vai allo sportello Turismo-Viaggi

Per approfondimenti leggi anche: Tutto su smarrimento bagaglio;

Autore: Emanuela Dona
Data: 29 agosto 2017

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Luciano

Per dovere di cronaca devo dire che prima di intentare una causa per vacanza rovinata bisogna pensarci non una ma tre volte. Mia figlia ha vinto una causa in due gradi di giudizio per avere un rimborso di Euro 1.800. Ci sono voluti 6 anni per avere la sentenza passata in giudicato, la parte soccombente non ha pagato un centesimo, mia figlia ha dovuto pagare alcune migliaia di Euro al suo avvocato e ha dovuto, lei, pagare anche la registrazione delle sentenze.Quindi prima di imbarcarsi consiglio di accertarsi che alla guida della barca ci sia un bravo capitano e non un pirata.

Matteo

Peccato che il terremoto e il rischio delle scosse di assestamento non siano un motivo valido per considerare “vacanza rovinata). La paura e il soprattutto il rischio non valgono quanto l’incasso delle strutture
Se poi capita la sciagura, si piangerà le povere vittime in ferie, oltre agli abitanti del luogo.
…mamma mia.

gianluigi

Salve ,sono un ragazzo di anni 20 da circa un mese ho prenotato un volo con aereo per due persone , al momento dell acquisto ho versato euro 30 per l assicurazioni.In data odierna per gravi motivi famigliari documentsti non potrò partire pertanto ho comunicato alla compagnia la motivazione della impossibilitá da parte mia e della mia compagna ad affrontare il viaggio per motivi oggettivi.Risposta dalla compagnia é stata direi negativissima in quanto mi comunicano che non potrò avere alcun rimborso delle 530 euro ormai saldate al momento della prenotazione del volo.Chiedo possibilmente un intervento da parte della associazione in indirizzo affinché possa avere il rimborso totale o parziale della suddetta somma versata.
Chiedo eventualmente un recapito telefonico per poter comunicare i dati nel dettaglio qualora ci fossere le condizioni per
l interventio
Grazie cordiali saluti Gianluigi Incigneri

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Buongiorno Gianluigi, può contattare i nostri esperti attraverso lo sportello Turismo sulla nostra home page. I nostri consulenti studieranno il suo caso e le consiglieranno come procedere. Grazie e buona giornata.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori