Coronavirus: Sky rimborsa per i pacchetti sport e calcio

La buona notizia è che Sky Italia ha accolto la nostra richiesta di rimborso e restituirà 15,20 euro al mese agli abbonati dei pacchetti Sky Calcio e Sport; quella meno buona è che il rimborso non è automatico: dovranno essere i consumatori a richiederlo nell’area “Fai da te” del sito. Non solo: la notizia del rimborso non è stata adeguatamente diffusa, né dagli organi di informazione, né sul sito di Sky, visto che non è in home page ma in una pagina interna, difficilmente rintracciabile; se a  questo aggiungiamo le numerose segnalazioni dei consumatori che non sono riusciti ad ottenere il rimborso per problemi tecnici nella procedura, è ben chiaro il motivo per cui la nostra associazione ha segnalato l’azienda all’Autorità Antitrust

Ricostruiamo quanto è accaduto nelle scorse settimane: l’Unione Nazionale Consumatori è stata la prima associazione ad occuparsi della questione a seguito dei numerosi reclami giunti al nostro sportello Pay-Tv riguardanti quei contratti attivati in precedenza e che oggi il consumatore non è più in grado di onorare o che, d’altro canto, il fornitore non è più in grado di mettere a disposizione secondo gli  accordi e le comunicazione commerciali diffuse all’epoca della sottoscrizione del contratto. Un esempio su tutti: la programmazione di sport che prevedeva per questi mesi calcio, tennis, Formula 1 che si è drasticamente impoverita di contenuto. 

In tutte queste situazioni, sebbene non si tratti ovviamente di un disservizio imputabile all’operatore, le regole generali del diritto prevedono che l’azienda che non sia più in grado di fornire un servizio, abbia l’onere di rimborsare (in tutto o in parte) il pagamento ricevuto. Questa dinamica non sempre risulta comprensibile agli occhi dell’utente, il quale è ben consapevole del fatto che le partite di calcio (o gli altri eventi sportivi) non sono trasmessi perché sono stati interdetti per decreto. Tuttavia, ciò non cambia le cose: per il consumatore resta il diritto di recedere dal contratto stipulato o, in alternativa, quello di inoltrare una richiesta di rimodulazione dei costi, tanto per il passato (da quando è scattata l’emergenza) che per il futuro.

Per questo motivo, la decisione di Sky è senz’altro una dimostrazione di disponibilità, ma sicuramente non esclude futuri contenziosi per chi non è soddisfatto della soluzione proposta, ma anche per tutti coloro che con queste modalità non verranno a conoscenza della possibilità di rimborso. Senza contare che ci saremmo aspettati dalla società un rimborso automatico, ma anche un prolungamento fino a settembre (e non solo per due mesi come stabilito).

Per questo motivo, dunque, l’Unione Nazionale Consumatori ha proceduto a depositare una segnalazione all’Autorità Antitrust affinché indaghi sulle modalità  scelte dall’azienda per i rimborsi e intervenga qualora riscontrasse ingannevolezza. 

Per saperne di più su tutte le spese rimborsabili in tempo di Coronavirus leggi anche Coronavirus: come disdire viaggi, scuole, palestre

Autore: Simona Volpe
Data: 27 marzo 2020
Aggiornamento: 4 maggio 2020

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Nicolò

Stranamente la sezioen Fai da Te del sito non è raggiungibile

Avatar
Filippo Rossi

Ho navigato il sito in lungo e in largo ma non si parla di rimborsi.
Il massimo che sono riuscito ad ottenere è una chat con uno del servizio clienti, che ha negato la possibilità di rimborsi ma ha parlato solo di promozioni.

La Redazione UNC
La Redazione UNC

buongiorno, come scritto anche da altri utenti, deve accedere a Sky faidate, andare su PROMOZIONI e si può richiedere il rimborso. Cliccando su CONFERMA le verrà chiesta la password di accesso e una volta indicata dovrebbe comparire un avviso di accettazione. Purtroppo ci segnalano rallentamenti e diverse difficoltà ma speriamo che si risolvano a breve.

Avatar
Sergio

buonasera, sarà anche vero, ma, seguendo i vs consigli ho inviato pec per rimodulare il contratto. la risposta è stata la rescissione del contratto.
Sergio

Avatar
enrica

Per godere dello sconto bisogna accedere con username e pw nell’area FAI DA TE e poi nell’area PROMOZIONI

Avatar
michele

grazie alla vostra iniziativa ho inviato il modulo via pec a sky… ovviamante senza risposta.
ora con questo vs aggiornamento ho trovato su Sky fai da te in Promozioni la possibilità di chieder lo storno delle quote Calcio e Sport fino al 31 maggio. basta fare un paio di click su relativi pulsanti…. peccato che dia errore e quindi non funzioni…. allora ho chiamato il serv clienti 199100400 e dopo un attesa di circa 5 minuti… un operatore dall’Albania mi ha convalidato l’offerta….
grazie a voi

Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma

Vuoi l’offerta di luce e gas più conveniente ed essere sempre tutelato?