Coronavirus: Sky rimborsa per i pacchetti sport e calcio

La buona notizia è che Sky Italia ha accolto la nostra richiesta di rimborso e restituirà 15,20 euro al mese agli abbonati dei pacchetti Sky Calcio e Sport; quella meno buona è che il rimborso non è automatico: dovranno essere i consumatori a richiederlo nell’area “Fai da te” del sito. Non solo: la notizia del rimborso non è stata adeguatamente diffusa, né dagli organi di informazione, né sul sito di Sky, visto che non è in home page ma in una pagina interna, difficilmente rintracciabile; se a  questo aggiungiamo le numerose segnalazioni dei consumatori che non sono riusciti ad ottenere il rimborso per problemi tecnici nella procedura, è ben chiaro il motivo per cui la nostra associazione ha segnalato l’azienda all’Autorità Antitrust

Ricostruiamo quanto è accaduto nelle scorse settimane: l’Unione Nazionale Consumatori è stata la prima associazione ad occuparsi della questione a seguito dei numerosi reclami giunti al nostro sportello Pay-Tv riguardanti quei contratti attivati in precedenza e che oggi il consumatore non è più in grado di onorare o che, d’altro canto, il fornitore non è più in grado di mettere a disposizione secondo gli  accordi e le comunicazione commerciali diffuse all’epoca della sottoscrizione del contratto. Un esempio su tutti: la programmazione di sport che prevedeva per questi mesi calcio, tennis, Formula 1 che si è drasticamente impoverita di contenuto. 

In tutte queste situazioni, sebbene non si tratti ovviamente di un disservizio imputabile all’operatore, le regole generali del diritto prevedono che l’azienda che non sia più in grado di fornire un servizio, abbia l’onere di rimborsare (in tutto o in parte) il pagamento ricevuto. Questa dinamica non sempre risulta comprensibile agli occhi dell’utente, il quale è ben consapevole del fatto che le partite di calcio (o gli altri eventi sportivi) non sono trasmessi perché sono stati interdetti per decreto. Tuttavia, ciò non cambia le cose: per il consumatore resta il diritto di recedere dal contratto stipulato o, in alternativa, quello di inoltrare una richiesta di rimodulazione dei costi, tanto per il passato (da quando è scattata l’emergenza) che per il futuro.

Per questo motivo, la decisione di Sky è senz’altro una dimostrazione di disponibilità, ma sicuramente non esclude futuri contenziosi per chi non è soddisfatto della soluzione proposta, ma anche per tutti coloro che con queste modalità non verranno a conoscenza della possibilità di rimborso. Senza contare che ci saremmo aspettati dalla società un rimborso automatico, ma anche un prolungamento fino a settembre (e non solo per due mesi come stabilito).

Per questo motivo, dunque, l’Unione Nazionale Consumatori ha proceduto a depositare una segnalazione all’Autorità Antitrust affinché indaghi sulle modalità  scelte dall’azienda per i rimborsi e intervenga qualora riscontrasse ingannevolezza. 

Per saperne di più su tutte le spese rimborsabili in tempo di Coronavirus leggi anche Coronavirus: come disdire viaggi, scuole, palestre

Autore: Simona Volpe
Data: 27 marzo 2020
Aggiornamento: 4 maggio 2020

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Roberto Spagnoli

Io ho chiamto questa mattina usando il 192000 visto che sono anche cliente Fastweb e l’operatrice mi ha stornato, per il pacchetto calcio (non ho sport), 7,70 euro al mese dal 1 Aprile al 31 Maggio, se le cose non dovessero cambiare richiamerò in prossimità della fine di Maggio per richiedere lo storno anche per i mesi successivi.

Avatar
Pasquale Montedoro

Ho provato tramite Sky fai da te. Attualmente pago 77,80 euro al mese relativamente ai pacchetti da me acquistati. Ebbene se cerco di ottenere lo sconto pro- coronavirus mi propongono il prezzo scontato di 82,50 al mese. È una presa in giro? Naturalmente non ho accettato.

Avatar
Sergio de Maio

Buonasera.
Sto tentando da ieri sera di accedere all’app. Sky per chiedere lo sconto di €. 15,20, ma non è possibile. Poiché lo sconto è pro rata, più tempo trascorre dalla richiesta e minor importo verrà riconosciuto.
Credo che Sky si stia comportando in mala fede e poi perché lo sconto non viene applicato di default per servizi a pagamento non resi?

Avatar
Francesco

Per trovare il link non è facile.Addirittura è sotto “Promozioni” !!
Pero se accetti l’offerta , 7,50 euro di sconto pacchetto Sky sport MotoGp, poi non ti fanno terminare l’operazione causa un intenso traffico dati.Anche perchè 7,50 euro moltiplicati non sò per quante migliaia di abbonati,fanno una bella cifra.

Avatar
luigi

Credo che sky rimborsi si’ 15.20 euro al mese sui 30 giorni per Aprile e Maggio ( quindi richiedendolo il 15/04 si avra’ solo 7.60 euro di rimborso?) ma chiede un costo di gestione pratica pari a 10.80 euro

Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma

Vuoi l’offerta di luce e gas più conveniente ed essere sempre tutelato?