Cose da non credere 2019, investigando sul nuovo consumatore

Settima edizione di “Cose  da non credere”, l’evento organizzato da Unc e dedicato alla consapevolezza dei consumatori. Nuova location, il We-Gil di Roma, struttura di architettura razionalista degli anni Trenta, utilizzata come palestra dai giovani del tempo, ma soprattutto format del tutto innovativo: i partecipanti (addetti ai lavori, portatori di interesse, protagonisti della comunicazione, rappresentanti delle aziende, etc.) si sono messi in gioco in una vera e propria investigazione da film giallo per scoprire l'”assassino”, cioè le nuove tendenze di consumo.

Divisi in quattro investigation room contraddistinte da un colore, gli ospiti hanno lavorato in gruppi per un’ora, seguendo gli indizi messi a disposizione per delineare l’identikit del “nuovo” consumatore e i suoi stili di acquisto. A vivacizzare la discussione, la presenza degli attori della “Compagnia della farfalla” che con le loro incursioni hanno dato un tocco artistico al pomeriggio, ma anche un contributo all’indagine portando alcuni indizi fisici.

Alla fine dell’investigazione il Presidente di Unc Massimiliano Dona e il professor di marketing all’Universita Roma Tre, Carlo Alberto Pratesi hanno svelato il volto e le caratteristiche dei quattro personaggi su cui i presenti hanno ragionato (anche in maniera molto fantasiosa!) per tutta l’ora precedente; ecco dunque materializzarsi in plenaria il giovane startupper italo-filippino Bryan Natavio, ideatore di un software che semplifica ai ristoratori la gestione del food delivery; la mamma blogger Flora Pellino appassionata di sport e moda, ma con un occhio al risparmio; la manager Stefania Sammartano, donna in carriera attenta all’alimentazione, che si muove in bicicletta o monopattino elettrico e quando è il caso di festeggiare predilige lo champagne; l’avvocato over 60 Fabio Pulsoni, amante della buona cucina e delle auto di lusso con una predilezione per la tecnologia fuori e dentro casa.

Non è stato facile per i nostri detective scoprire chi ci fosse dietro gli indizi e proprio questo era il senso del gioco: non esiste più un consumatore stigmatizzato dentro gli schemi (dal canale di acquisto alle marche a cui è affezionato, passando per l’utilizzo dei social network e il tipo di alimentazione), ma siamo di fronte ad una tale segmentizzazione che può capitare ad esempio che un’appassionata di shopping consideri suoi marchi di riferimento Louboutin e H&m, così come un ventenne non sia interessato ai social e un sessantenne sia entusiasta della tecnologia e dialoghi con la sua a casa attraverso l’assistente vocale di Amazon

Per dovere di cronaca ad aggiudicarsi il premio in palio è stata la squadra viola che ha investigato per scoprire l’identikit di Fabio Pulsoni (che era in incognito nel suo gruppo!).

Al professor Pratesi il compito di concludere questo pomeriggio di investigazione, di gioco, di ricerca ma anche, come consuetudine, di confronto e crescita con una relazione dal titolo “Il poco che spiega il tanto: dal marketing al customering passando per gli small data”.

Per rivivere le emozioni di “Cose da non credere” 2019 guarda le foto

Guarda il video dell’evento

Autore: Simona Volpe
Data: 9 luglio 2019

 

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*


Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2019 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma

Scarica l'ebook
"Prodotti difettosi"