FISCO: allargare il bonus Irpef a 100 euro sarebbe un’ottima notizia, a quando si passa ai fatti?

1 commento  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Il Governo sembrerebbe stia ipotizzando un aumento del bonus Irpef da 80 a 100 euro, con platea allargata anche ai pensionati al minimo,  ma per farlo si calcoli l’Isee anche per gli attuali beneficiari.

Roma, 21 aprile 2016 – Secondo quanto riportato da Il Messaggero, il Governo sta ipotizzando un aumento del bonus Irpef da 80 a 100 euro, con platea allargata anche ai pensionati al minimo.

“Sarebbe un’ottima notizia, se fosse confermata. Ma dato che la promessa è fatta dal maggio 2014, pensiamo sia giunta il momento di passare dalle parole ai fatti”  ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Per questo avanziamo una proposta concreta per trovare le risorse anche per i pensionati. Attualmente sono troppi i beneficiari che hanno diritto al bonus di 80 euro. Secondo le dichiarazioni 2015 relative ai redditi 2014 si tratta di 11,3 milioni di soggetti. La soglia di 24.000 euro, insomma, va bene, ma a condizione che in famiglia non ci siano altri redditi. Altrimenti si rischia di dare 3 bonus di 80 euro, o peggio ancora 100 euro, ad uno stesso nucleo familiare, se lavora moglie, marito ed un figlio. E’ evidente che in questo caso i soldi non saranno destinati ai consumi, ma solo accantonati. Il risparmio, però, non contribuisce a far ripartire la domanda” ha proseguito Dona.

“Ecco perché proponiamo che sia ristretta la platea degli attuali beneficiari, tenendo conto della reddito complessivo familiare o, meglio ancora, dell’Isee, così da valutare in modo più completo la situazione economica complessiva!” ha concluso Dona.

L’associazione di consumatori ricorda che, secondo gli ultimi dati Istat disponibili, considerando non il numero dei trattamenti, ma il reddito pensionistico, i pensionati con un importo mensile inferiore a 500 euro mensile, considerando anche la tredicesima, erano, nel 2014, 2.037.701, pari al 12,5% dei pensionati complessivi, con un costo di 6.865 mln di euro, pari al 2,5% della spesa pensionistica complessiva. I pensionati che, invece, percepiscono un importo superiore ai 5.000 euro, pur essendo solo 229.929, l’1,4% dei pensionati, costano 18 mld e 575 mln, il 6,7% della spesa pensionistica, quasi 3 volte tanto rispetto agli altri.

Ecco perché, per finanziare il bonus di 80 euro ai pensionati, si possono trovare altre risorse seguendo la proposta Boeri sulle pensioni d’oro.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Raffaele

Il bonus è una fregatura, perchè invece non ridurre le aliquote fiscali? Dove stà la progressività delle Imposte se invece si riducono le fasce aumentando la la percentuale sulla prima fascia più debole?

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori