ALIMENTAZIONE: lo stop al semaforo è una vittoria nostra e del made in Italy

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

L’Unione Nazionale Consumatori esprime soddisfazione per lo stop dell’Unione Europea all’etichettatura tramite semaforo dei prodotti alimentari.

Roma, 2 ottobre 2014 – “Dividere il mondo in buoni e cattivi non è mai la soluzione giusta, soprattutto quando si tratta di alimentazione”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, in riferimento alla bocciatura dell’Unione Europea dell’etichetta a semaforo.

“Nei mesi scorsi- afferma Dona (segui @massidona su Twitter)– quando la Gran Bretagna propose l’introduzione delle etichette alimentari che indicassero con una sorta di semaforo in rosso gli alimenti molto calorici, in giallo quelli da usare con moderazione e in verde quelli sicuri dal punto di vista nutrizionale, esprimemmo, attraverso il mio blog e con un approfondimento del nostro esperto Agostino Macrì, tutte le nostre riserve sul tema: oggi, dunque, accogliamo con soddisfazione lo stop dell’esecutivo europeo e festeggiamo una vittoria per la nostra associazione, ma soprattutto per il Made in Italy“.

Leggi “L’obesità non si ferma con il semaforo” di Massimiliano Dona

Leggi “Semafori alimentari: la scelta giusta?” di Agostino Macrì

“Eccellenze italiane come i formaggi, l’olio e i dolci -prosegue Dona – sarebbero stati ingiustamente puniti da questo sistema in cui il parametro più importante per evitare il semaforo rosso era la quantità di calorie. Il rischio, dunque, era che le aziende alimentari sviluppassero nuovi prodotti con meno grassi e zuccheri, aiutandosi con la chimica mediante vari additivi come addensanti, gelificanti, edulcoranti, antiossidanti”.

“Semplificare la vita dei consumatori con etichette chiare e leggibili è sempre stata una battaglia della nostra associazione -conclude il Segretario generale- ma il traffic-light non era lo strumento più adatto: è piuttosto il caso di ricordare ai consumatori che non esistono alimenti giusti o sbagliati, ma la corretta alimentazione dipende dalla quantità di cibo, dalla varietà della dieta e dall’attività fisica”.

A riguardo leggi anche ABC etichette alimentari

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori