CANONE RAI: prime bollette, prime segnalazioni

2 commenti  |   stampa  |  pdf

Comunicato Stampa Unione Nazionale Consumatori

Con l’arrivo delle prime bollette elettriche con il pagamento del canone Rai, arrivano anche le prime segnalazioni agli sportelli dell’Unione Nazionale Consumatori; nessuno avviso in prima pagina del pagamento del canone.

Roma, 19 luglio 2016 – Sono arrivate le prime segnalazioni di addebiti del canone Rai da parte di consumatori ignari ed in buona fede che non credevano di dover pagare l’abbonamento alla televisione.

Un signore, ad esempio, aveva inviato fin da gennaio un’autocertificazione per dichiarare di non possedere alcuna tv. Una dichiarazione anticipata, fatta prima della predisposizione del modellino da parte dell’Agenzia delle entrate avvenuto il 24 marzo. Nella dichiarazione, però, pur mettendo tutti i dati anagrafici, indirizzo, numero del contratto di fornitura elettrica, dimentica di mettere il codice fiscale, il luogo e la data di nascita. Risultato: pur non avendo la tv ora deve pagare tutti i 100 del canone.

Un altro utente ci scrive: “dalla Rai mi era stato comunicato che avendo un’utenza di tipo D3 non residente non dovevo fare alcuna comunicazione. Oggi nella bolletta mi sono trovata addebitato il canone Rai, come mi devo comportare?”.

Nel frattempo stanno arrivando le bollette di altre imprese, ma nessuna di quelle finora pervenute riporta in prima pagina alcun riferimento al pagamento del canone Rai.

“Nonostante debbano ricevere 14 milioni di euro per  l’attuazione  di  quanto  previsto  nel  decreto Mise, le imprese elettriche evidentemente hanno ritenuto troppo costoso modificare la prima pagina della fattura. Una mancanza di trasparenza che danneggia i consumatori. Giusto pagare le tasse, ma è giusto anche sapere che lo stiamo facendo” dichiara Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Guglielmo

mi è arrivata la boletta di luglio con dentro la quota del canone rai. Mi era stato detto che non dovevo fare nulla inquanto io ho solo una utenza elettrica non residenziale in un altro comune dove non sono residente come mi devo comportare? grazie

La redazione UNC
La redazione UNC

manca ancora decreto agenzia delle entrate per chiarire come procedere ai rimborsi o come fare per contestare il pagamento (deve arrivare entro 4 agosto). Aspetti all’ultimo per pagare, sperando esca in tempo il chiarimento.
Verifichi, intanto, se per caso c’è stato un errore. Salvo l’esempio di compilazione 13 dell’agenzia delle entrate, sull’utenza elettrica d3, che, da quel che mi dice, non dovrebbe riguardarla, chi ha utenza non residenziale non doveva inviare dichiarazione, ma mi insospettisce la sua frase, in un altro comune, quindi altrove c’è altro….
Guardi tutti gli esempi di compilazione che trova sul nostro articolo tutto sul canone o sul sito dell’agenzia delle entrate….

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori