CANONE RAI: rischio stangata per dichiarare di non avere una TV

4 commenti  |   stampa  |  pdf

A proposito del canone Rai, previste poche modalità e tempi strettissimi per gli italiani costretti a dimostrare di non avere una TV: l’invio con raccomandata costera’ oltre 5 mln di euro.

Roma, 25 marzo 2016 – Rischio stangata per gli italiani costretti a dimostrare di non avere una tv. Per presentare il modello di autocertificazione, oltre ai tempi strettissimi, sono previste poche modalità. L’unica gratuita è via internet, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel, procedura che, però, richiede una certa competenza e non è adatta a tutti i palati. In alternativa va inviata una raccomandata o pagato un Caf, ad un costo che si stima ancora maggiore.

La raccomandata, poi, complicazione ulteriore, va inviata senza busta. Quindi per le Poste risulta invio non normalizzato ed il costo già elevato di una normale raccomandata (4,50 euro + 0,95 per l’avviso di ricevimento, per un totale di 5,45 euro) diventa ancora più alto: 5,80 + 0,95 per l’avviso, per un totale di 6,75, sempre che non si superino i 20 grammi. Altrimenti si slitta allo scaglione ancora superiore: 6,20 + 0,95, pari a 7,15 euro.

Insomma, considerando che secondo la stima più accreditata, quella dell’Istat, sono 944 mila le famiglie che non hanno un tv e che, di conseguenza, saranno sicuramente costrette a presentare  la dichiarazione di non detenzione dell’apparecchio, arriviamo ad una stangata minima, per l’invio postale, di 5 mln e 144 mila euro. Se poi si conteggiano anche le persone che avevano presentato la richiesta di suggellamento e le famiglie che hanno un doppio contatore intestato ad altro componente della famiglia, ecco la cifra sale ulteriormente.

“Certo ci saranno molti che faranno la dichiarazione con procedura telematica, ma ce ne saranno altrettante, se non di più, pensiamo a tutti gli anziani, che saranno costrette a rivolgersi al Caf, ad un costo ancora superiore. Purtroppo non è previsto alcun invio del modellino insieme alle bollette della luce di aprile e maggio, come da noi richiesto. Quindi per gli anziani e per chi non ha internet sarà già complicato procurarsi il modellino. Inevitabile, per loro, andare al Caf” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Insomma, potevano almeno essere previste anche altre modalità di invio gratuite, come la posta certificata, oppure la consegna a mano presso le sedi locali dell’Agenzia delle entrate. Senza contare che la dichiarazione andrà ripresentata ogni anno e che, quindi, la spesa sarà annuale”.

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

guglielmi

e come mai non viene inviato, subito, un riepilogo delle utenze sulle quali si prospetta l’addebito? Un preavviso?
forse perchè cosi ci dimentichiamo le utenze per servizi ecc.

franco raffaele

Nonc’è rischio di sobbarcarsi ulteriori incombenze,con relativi mal di testa e di tasca: è una certezza. Perchè il primo pensiero della burocrazia è sempre stato quello di creare lacci e lacciuoli,anche nelle cosiddette semplificazioni, altrimenti loro cosa ci stanno a fare? Quindi niente Posta certificata, niente autodichiarazione al di fuori dei modelli ministeriali, ma solo costi aggiuntivi per i cittadini. Un modo improprio per aumentare le entrate. E’ tutto qui il busillis.

rosamaria

POVERI NOI……

Losso Salvatore

Penso soltanto che il Governo Renzi ha complicato la vita agli italiani con il sistema dell’addebito del canone sulla bolletta elettrica. Pensare che il Governo Renzi ha sostenuto sempre di semplificare la pubblica amministrazione, invece l’ha ulteriormente complicata. Come è possibile che ogni anno gli italiani debbano fare l’autocertificazione di non detenzione della televisione ? Insomma, il pagamento del canone era più semplice come era prima e questa legge a mio parere deve essere mpodificata

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori