ISTAT: carrello della spesa aumenta, 60 euro in più

commenta  |   stampa  |  pdf

Roma, 31 marzo 2015 – “Il quantitative easing è partito solo il 9 marzo, quindi è normale che l’Italia sia ancora, per il terzo mese consecutivo, in deflazione” ha dichiarato Massimiliano Dona (segui @massidona su Twitter), Segretario Generale dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando il dato Istat secondo il quale, a marzo, la deflazione rimane stabile a -0,1%, lo stesso livello di febbraio.

“Quello che, invece, è meno normale e ci preoccupa è che i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona salgano ancora su base annua, passando dal +0,7% di febbraio a +0,9” ha proseguito Dona.

“L’aumento del carrello della spesa è allarmante e ha risvolti dal punto di vista sociale, perché colpisce anche quel 14,3% delle famiglie che non riesce più a pagare le bollette di luce e gas. Per un pensionato, ad esempio, significa spendere 34 euro in più. E’ poco per chi ha pensioni d’oro, ma non certo per i pensionati al minimo” ha concluso l’avv. Dona.

Secondo i calcoli dell’Unione Nazionale Consumatori, per una coppia con 1 figlio l’aumento dello 0,9% del carrello della spesa significa pagare, in termini di aumento del costo della vita, 60 euro in più su base annua (cfr tabella). Per un pensionato con più di 65 anni sono 34 euro in più, mentre per un single con meno di 35 anni si tratta di 40 euro. Il maggior aumento per la tradizionale famiglia italiana: una coppia con due figli spenderà 62 euro in più.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori