MYAIR – Dichiarato il fallimento della compagnia aerea

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 17 marzo 2010 – “Dopo il tentativo di salvaguardare gli interessi economici dell’azienda italiana con la procedura di ‘amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi’, il Tribunale Ordinario di Vicenza si è definitivamente pronunciato dichiarando il fallimento della compagnia aerea low cost ‘Myair.com S.p.A’ ”. E’quanto rende noto l’Unione Nazionale Consumatori.

“I consumatori che hanno acquistato biglietti aerei emessi da Myair e mai usufruiti -prosegue l’Unione- potranno quindi tentare di recuperare il proprio credito depositando presso il Tribunale di Vicenza, entro il 27 Marzo 2010, istanza di ammissione al passivo del fallimento e allegando alla stessa copia della documentazione attestante il proprio credito”.

“Ciò vale -si legge nella nota dell’Associazione- per coloro che non hanno precedentemente presentato domanda di ammissione al passivo alla procedura straordinaria delle grandi imprese in crisi; le domande di ammissione al passivo, già presentate ai sensi del D.lgs. 270/99, sono infatti valide e verranno acquisite dal curatore fallimentare”.

"Coloro che volessero avere maggiori informazioni sul fallimento della compagnia aerea possono consultare il sito www.myair.com. Per ulteriori chiarimenti sulla vicenda e su come tentare di recuperare il proprio credito -conclude l’Unione- è possibile contattarci allo 06.3232593 o all’indirizzo di posta elettronica segreteria@consumerlaw.it ”.

Roma, 17 marzo 2010

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori