Istruttoria Antitrust su TicketOne per fermare il bagarinaggio sui concerti

1 commento  |   stampa  |  pdf

TicketoneGrazie all’iniziativa dell’Unione Nazionale Consumatori, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato indaga sul fenomeno del “secondary ticketing”: si tratta, della sostanziale impossibilità di acquistare, anche all’apertura delle vendite, biglietti per gli eventi di maggior richiamo sul sito internet di Ticketone S.p.a., che detiene l’esclusiva per il canale online dei principali eventi e mette in vendita i biglietti ai prezzi fissati dagli organizzatori per conto dell’artista.I biglietti risulterebbero invece disponibili, anche pochi minuti dopo l’apertura delle vendite, su altri siti internet, il cosiddetto mercato secondario per questo si parla di “secondary ticketing”, a prezzi spesso di gran lunga maggiori di quelli del mercato primario. Ciò si sarebbe verificato, anche di recente, in occasione della vendita dei biglietti per il concerto dei Coldplay in Italia e, per il passato, in occasione dei concerti dei One Direction, dei Foo Fighters, dei Red Hot Chili Peppers, di Bruce Springsteen, Renato Zero, Adele e David Gilmour.

TicketOne e Seconday ticketing al vaglio dell’Antitrust

L’Antitrust ha quindi avviato una istruttoria nei confronti di Ticketone SpA e dei quattro principali operatori del mercato secondario in Italia, al fine di verificare eventuali violazioni del Codice del Consumo. Il procedimento nei confronti di Ticketone è diretto, in primo luogo, ad accertare se il sito abbia predisposto idonee misure adeguate a garantire l’effettiva disponibilità di biglietti per i consumatori e per evitare la possibilità che alcuni soggetti, attraverso l’utilizzo di specifici software, procedano all’acquisto massivo e quasi istantaneo di tutti i biglietti sul canale on line. Per quanto riguarda invece i siti del mercato secondario si tratta di verificare l’eventuale ingannevolezza delle informazioni relative alle condizioni di vendita sui siti, che potrebbero rendere non chiara la natura e le caratteristiche del servizio di intermediazione svolto, la tipologia e il prezzo di vendita dei biglietti offerti, nonché i diritti e le garanzie riconosciuti al consumatore, anche in caso di annullamento degli eventi.

Speriamo adesso che  il procedimento faccia rapidamente chiarezza su un mercato che sembra fare bagarinaggio online non appena c’è l’occasione di eventi molto desiderati dal pubblico!

Per assistenza chiedici aiuto allo Sportello E-Commerce

Autore: Massimiliano Dona
Data: 20 ottobre 2016

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

giuseppe cirillo

Buonasera , speriamo che ticket one venga RADIATA dalla vendita di biglietti per i tutti vari concerti, vedi qui di seguito la ragione :
per il concerto degli U2 , i biglietti sono andati esauriti nel giro di pochi minuti 8/Dicembre 2014 (sito di ticket one)
peccato che dal 9/Dicembre 2014 e fino a poche ore dall’inizio del concerto Torino 2/Luglio 2015 i biglietti erano disponibili sul loro sito TICKET ONE ma al prezzo quadruplicato .
essendo un fans ,il giorno del concerto mi recai a Torino nel speranza di trovare un biglietto ad un prezzo ragionevole.
Tentai con i venditori abusivi, senza esito , per via dei prezzi alti e rischio di biglietti falsi.
Beh la cosa più clamorosa è che il biglietto alla fine sono riuscito a comprarlo alle 19,00 di sera, 1 ora prima dell’inizio del concerto direttamente alla cassa di TICKET ONE presente all’entrata del palazzetto
ho pagato Euro 170,00 anzichè Euro 195,00, risparmiando i 25,00 euro di prevendita.
Inoltre , ancora più assurdo vi confermo che i biglietti disponibili a mani della cassiera erano più di mille ed erano tutti dello stesso settore ed in ordine di numero progressivo.
Quindi per me è una truffa legalizzata, che va bloccata .
Stesso schema è stato adottato per i biglietti di ADELE .
GRAZIE PER IL VOSTRO INTERVENTO.
Cordiali saluti.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori