GIOCO: i numeri e le proposte per un fenomeno in continua crescita

commenta  |  pdf

Comunicato stampa dell’ Unione Nazionale Consumatori

Presentato ieri a Roma il libro di Paola Vinciguerra e Massimiliano Dona “Gioco d’azzardo. Difendersi si può” (Minerva Edizioni); la presentazione è stata anche l’occasione di una riflessione sul tema e un confronto con gli ospiti presenti. All’incontro, moderato dalla giornalista di Raitre Elsa Di Gati, hanno partecipato: Daniela Rondinelli, Consigliera Comitato economico e sociale europeo (Relatrice del parere sul gioco d azzardo on line) e Pietro Malara, Direttore Uff. VII – Tutela salute persone vulnerabili del Ministero della Salute.

 Roma, 30 gennaio 2015 – “Siamo chiamati a maggiore responsabilità per evitare che chi ancora gioca per diletto cada nella trappola del vizio e aiutare chi, purtroppo, ne è già vittima”. Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori e la psicoterapeuta Paola Vinciguerra, autori del libro “Gioco d’azzardo. Difendersi si può” (Minerva Edizioni), presentato ieri sera a Roma, sono concordi nel definire il gioco d’azzardo  una vera iattura che miete ogni giorno nuove vittime. “Mai come negli ultimi anni -ha dichiarato ieri l’avvocato Dona- agli sportelli della nostra associazione sono arrivate così tante lettere di persone cadute nella rete dell’azzardo o preoccupate per la deriva di un familiare: il motivo probabilmente è da ricondursi alla maggiore facilità con cui oggi è possibile giocare (basta un telefonino e la connessione Internet), ma anche perché il clima di incertezza sviluppa alti livelli di stress e ansia e le persone cercano soluzioni all’esterno, tentando una vincita che risolva le paure”.

I numeri, d’altra parte, bastano da soli a spiegare la portata del fenomeno: nel 2011, come si legge nel libro, in Italia la raccolta del gioco d’azzardo è stata di quasi 80 miliardi di euro, circa il 5 per cento del Prodotto Interno Lordo nazionale: il 56,3 per cento del fatturato totale è stato raccolto da slot machine e video-lotterie, il 12,7 per cento dai Gratta e Vinci, l’8,5 dal Lotto, il 4,9 dalle scommesse sportive, il 3 per cento dal Superenalotto, e il rimanente da bingo e scommesse ippiche. Non solo: esiste anche una geografia del gioco patologico per cui in Abruzzo e nel Lazio si registrano i picchi di spesa, mentre è la Basilicata la regione più virtuosa. (Dati: Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato)

Ma difendersi dall’azzardo non significa demonizzare il gioco: finché si mantiene nei termini di una tranquilla frequentazione all’interno delle nostre decisioni e possibilità, esso può svolgere un ruolo ricreativo e ludico assolutamente positivo. Purtroppo non sempre è così e, come rileva lo studio realizzato da Eurodap (l’associazione europea per il disturbo da attacchi di panico di cui Paola Vinciguerra è Presidente),  il gioco d’azzardo per 1 italiano su 2 è diventata un’esperienza emotiva insostituibile destinata a trasformarsi in qualcosa di più serio, in una forma di compulsività tale da provocare nei giocatori e nelle loro famiglie pesanti ripercussioni.

Secondo il sondaggio, al quale hanno risposto 850 persone tra i 25 e i 65 anni, il 20 per cento del campione ha le caratteristiche di un patologico grave, ossia si tratta di persone che non riescono a sottrarsi al gioco; il 30 per cento è patologico (siamo in presenza di una malattia legata al gioco). Il 20 per cento del campione è risultato a rischio nel senso che l’abitudine del gioco potrebbe facilmente diventare una malattia, mentre il 30 per cento del campione si è dichiarato giocatore occasionale.

Cosa fare dunque per arginare il fenomeno? “E’ fondamentale considerare l’aspetto socio-sanitario del gioco d’azzardo -afferma la dottoressa Vinciguerra- sia per tutelare i cittadini ma anche per limitare la spesa del Servizio Sanitario Nazionale che si trova a dover affrontare la diffusione dell’azzardo patologico. Dobbiamo riuscire a mantenere l’attività del gioco entro i limiti della normalità, con tutta una serie di accorgimenti e prevenzione fatta attraverso corsi, sostegno, informazione e una comunicazione corretta”.

Anche Massimiliano Dona sottolinea l’importanza della comunicazione: “In diverse circostanze e anche con una mozione parlamentare nel 2012, siamo intervenuti sul tema dell’invadenza pubblicitaria che va seriamente regolamentata a cominciare da alcuni divieti di pubblicizzare certe forme di gioco. In generale, va garantito il diritto per i consumatori di essere informati sulle reali possibilità di vincita (in forma comprensibile, sulla base di un’analisi certificata da organismi pubblici o provati, indipendenti dai concessionari). Negli anni, infatti, abbiamo denunciato all’Autorità Antitrust e all’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria numerosi spot che, puntando su testimonial simpatici e rassicuranti, incoraggiavano le giocate spingendo le persone a tentare la sorte, senza tenere conto che per ogni vincitore si contano innumerevoli sconfitti.

Ci auguriamo, in ogni caso, che la Delega fiscale che a  breve dovrebbe riformare il sistema, corregga alcuni punti che fino ad oggi ci sono apparsi lacunosi, razionalizzando la pressione fiscale su tutte le tipologie di gioco e prevedendo delle serie misure di contrasto al gioco patologico”.

 

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori

Non rinuciare a difenderti!

Difendere i propri diritti può essere frustrante, soprattutto se si ha di fronte una grande azienda. Ma con accanto un'associazione che ha 60 anni di esperienza nella tutela del consumatore diventa semplice.

Se hai dubbi o difficoltà ricorda che puoi sempre chiamarci allo 06 32600239. Ti risponderemo e cercheremo di risolvere insieme il tuo problema.

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida