TELEFONIA: Agcom diffida Vodafone per il tethering, rimborsi per i consumatori?

commenta  |  pdf

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Unc ha denunciato Vodafone Italia per aver fatto pagare l’utilizzo di smartphone come hot spot; in attesa che si pronunci l’Antitrust, per Agcom il servizio deve essere gratuito.

Roma, 17 aprile 2018 – “L’Agcom ci ha dato ragione sul ‘tethering’, adesso chi ha pagato per connettersi utilizzando lo smartphone come hot spot Wi-Fi ha diritto al rimborso”, è quanto dichiara Massimiliano Dona, Presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, in merito alla delibera dell’Agcom n. 68/18/CONS con cui l’Autorità ha diffidato Vodafone Italia per violazione dei regolamenti comunitari in tema di tethering.

Secondo l’Agcom: “il comportamento dell’operatore configura, a tutti gli effetti, una restrizione all’utilizzo del terminale e una limitazione della libertà dell’utente di scegliere l’apparecchio dal quale accedere ad internet”. Inoltre la pratica di far pagare lo smartphone come hot spot è in conflitto con il Regolamento europeo n. 2015/2120, c.d. “Regolamento TSM” (Telecom Single Market), che stabilisce misure riguardanti l’accesso a una internet aperta. Più precisamente, nella parte introduttiva del Regolamento si legge che “quando accedono a internet, gli utenti finali dovrebbero essere liberi di scegliere tra vari tipi di apparecchiature terminali, quali definite nella direttiva 2008/63/CE della Commissione e che i fornitori di servizi di accesso a internet non dovrebbero imporre restrizioni all’utilizzo di apparecchiature terminali che collegano alla rete oltre a quelle imposte dai fabbricanti o dai distributori di apparecchiature terminali conformemente al diritto dell’Unione”.

“Non è un fenomeno nuovo per noi dell’Unione Nazionale Consumatori che nei mesi scorsi avevamo segnalato la pratica all’Autorità Garante della concorrenza e del Mercato. La delibera dell’Autorità delle comunicazioni è un primo passo in attesa del parere dell’Antitrust”, commenta l’avvocato Dona che aggiunge: “adesso ci aspettiamo che l’operatore si metta in regola modificando le condizioni di utilizzo del servizio. Intanto i consumatori che nei mesi scorsi hanno pagato per il tethering possono chiedere il rimborso inviando una comunicazione scritta a Vodafone Italia. I nostri esperti sono a disposizione degli utenti per informazioni o per assistenza sul sito www.consumatori.it”.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online