ECONOMIA: Istat, diseguaglianze diminuiscono

commenta  |  pdf

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Bene, ma non basta! Solo 1/3 del bonus di 80 euro e 30% quattordicesime va a chi ne ha bisogno

Roma, 21 giugno 2017 – Secondo i dati Istat resi noti oggi, la diseguaglianza, misurata dall’indice di Gini, si riduce dal 30,4 al 30,1 ed il rischio di povertà diminuisce dal 19,2 al 18,4%.

“Bene, ma non basta! I dati di oggi confermano la nostra tesi, ossia che i provvedimenti migliori del Governo Renzi e Gentiloni sono quelli che hanno cercato di aiutare le famiglie più in difficoltà: bonus di 80 euro, quattordicesima per i pensionati e sostegno di inclusione attiva, oggi Rei. Ma considerati i miliardi stanziati, ad esempio per il bonus di 80 euro, gli effetti pratici di una riduzione dell’indice Gini dal 30,4 al 30,1 sono decisamente insoddisfacenti” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. 

“Continuiamo, infatti, ad essere tra i peggiori in Europa. E questo perché la quattordicesima, come conferma il presidente dell’Inps Boeri, è data in 7 casi su 10 a chi non ne ha bisogno, ossia va a segno solo nel 30% dei casi, mentre appena un terzo del bonus di 80 euro, non essendo commisurato al reddito della famiglia, finisce ai poveri, ossia a chi è collocato nei primi 2 quinti della distribuzione del reddito” prosegue Dona.

“Insomma, a parità di risorse, peraltro già insufficienti, i risultati potrebbero essere decisamente migliori se i soldi venissero spesi meglio. Quando al Rei, le risorse stanziate, appena 2 miliardi, sono una miseria, considerato che solo una parte di questi finiranno effettivamente nelle tasche delle famiglie” conclude Dona.

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori