BOLLETTE: bene i rimborsi previsti in manovra per fatture pazze

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Un emendamento alla manovra prevede rimborsi non inferiori a 100 euro e pari al 10% delle bollette pazze.

Roma, 10 dicembre 2019 – “Ottima notizia! Finalmente un provvedimento che, a fronte dei tanti disservizi, disagi, soprusi, pratiche commerciali scorrette ed aggressive perpetuate dai diversi fornitori di servizi essenziali, come luce, gas e telefonia, sta dalla parte dei consumatori, mirando a risarcirli in modo automatico in caso di bollette pazze” afferma l’avv. Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando la notizia di un emendamento alla manovra che prevede, per chi riceve bollette pazze per luce, gas, acqua, servizi telefonici, oltre al rimborso delle somme eventualmente versate, anche il diritto a ricevere una somma pari al 10% dell’ammontare contestato e non dovuto e, comunque, per un importo non inferiore a 100 euro.

“Speriamo che l’emendamento resti nella manovra finale e venga definitivamente approvato” conclude Dona.

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma