PREZZI: benzina aumenta dopo accordo Paesi su greggio

1 commento  |  pdf

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Ci sono 21 centesimi al litro di differenza tra i distributori di carburanti più cari e quelli meno cari

Roma, 12 dicembre 2016 – Tornano a salire i prezzi dei carburanti dopo l’accordo firmato sabato tra i Paesi Opec e non Opec per ridurre la produzione di greggio.

“Una pessima notizia. Non solo per gli automobilisti, ma per tutti gli italiani, considerato che i prezzi dei carburanti incidono anche sul prezzo finale della merce trasportata. Il solo aumento di questa settimana di 0,2 centesimi per la benzina self service, significa, su base annua, un rialzo di 2,40 euro. Se il trend proseguisse, insomma, sarebbero guai” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

L’UNC evidenzia che ci sono differenze, tra la benzina self service meno cara, quella delle pompe bianche, e la benzina servita più cara, pari a 21 centesimi al litro. Significa un risparmio potenziale teorico, per ogni pieno da 50 litri, di 10 euro e 50 centesimi, 252 euro all’anno.

“Una differenza enorme. Ecco perché è bene che gli italiani non facciano il pieno dove capita e seguano alcuni semplici consigli” conclude Dona

Di seguito i suggerimenti dell’UNC per risparmiare:

  • Non entrate nel primo distributore che vi capita appena si accende la spia della benzina, ma cercate il prezzo più basso.
  • Cercate le pompe bianche, senza insegne famose (no logo), o quelle della grande distribuzione.
  • Preferite il self service al servito
  • Verificate la corrispondenza tra i prezzi esposti nei cartelli e quelli effettivamente praticati
  • Guardate i benzacartelloni
  • Confrontate i prezzi attraverso il sito carburanti.mise.gov.it
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori

Non rinuciare a difenderti!

Difendere i propri diritti può essere frustrante, soprattutto se si ha di fronte una grande azienda. Ma con accanto un'associazione che ha 60 anni di esperienza nella tutela del consumatore diventa semplice.

Se hai dubbi o difficoltà ricorda che puoi sempre chiamarci allo 06 32600239. Ti risponderemo e cercheremo di risolvere insieme il tuo problema.

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida