PREZZI: benzina aumenta dopo accordo Paesi su greggio

1 commento  |  pdf

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Ci sono 21 centesimi al litro di differenza tra i distributori di carburanti più cari e quelli meno cari

Roma, 12 dicembre 2016 – Tornano a salire i prezzi dei carburanti dopo l’accordo firmato sabato tra i Paesi Opec e non Opec per ridurre la produzione di greggio.

“Una pessima notizia. Non solo per gli automobilisti, ma per tutti gli italiani, considerato che i prezzi dei carburanti incidono anche sul prezzo finale della merce trasportata. Il solo aumento di questa settimana di 0,2 centesimi per la benzina self service, significa, su base annua, un rialzo di 2,40 euro. Se il trend proseguisse, insomma, sarebbero guai” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

L’UNC evidenzia che ci sono differenze, tra la benzina self service meno cara, quella delle pompe bianche, e la benzina servita più cara, pari a 21 centesimi al litro. Significa un risparmio potenziale teorico, per ogni pieno da 50 litri, di 10 euro e 50 centesimi, 252 euro all’anno.

“Una differenza enorme. Ecco perché è bene che gli italiani non facciano il pieno dove capita e seguano alcuni semplici consigli” conclude Dona

Di seguito i suggerimenti dell’UNC per risparmiare:

  • Non entrate nel primo distributore che vi capita appena si accende la spia della benzina, ma cercate il prezzo più basso.
  • Cercate le pompe bianche, senza insegne famose (no logo), o quelle della grande distribuzione.
  • Preferite il self service al servito
  • Verificate la corrispondenza tra i prezzi esposti nei cartelli e quelli effettivamente praticati
  • Guardate i benzacartelloni
  • Confrontate i prezzi attraverso il sito carburanti.mise.gov.it

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

nunzio

L’aumento della benzina è una truffa, i prezzi di oggi si riferiscono a consegne per fine febbraio, e noi paghiamo da oggi.
E’ ora di far finire questa truffa ai nostri danni!!!

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori