TRASPORTI: Ryanair deve dare info chiare sui rimborsi

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Antitrust dà 10 giorni a Ryanair  per adeguarsi. Accolte  le nostre tesi e denunce

Roma, 26 ottobre 2017 – L’Antitrust ha deliberato alcune misure cautelari contro Rynair che ora ha 10 giorni per adeguarsi. Per l’Authority la compagnia aerea deve informare i consumatori italiani “dei diritti nascenti dalla cancellazione dei voli operata nei mesi di settembre/ottobre del corrente anno, in modo da consentire loro di acquisire piena ed adeguata consapevolezza” dei loro diritti, in particolare quello “al rimborso e/o alla modifica gratuita del volo cancellato e alla compensazione pecuniaria, ove dovuta”.

“Bene, accolte le nostre tesi e le nostre denunce. Avevamo chiesto all’Antitrust di intervenire ai sensi dell’articolo 27, comma 3, del Codice del Consumo per far rimuovere alcune scritte sul sito ed evitare che fossero pregiudicati i diritti dei consumatori” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Fin dal 19 settembre avevamo evidenziato che sul sito della compagnia appariva una scritta sui rimborsi sbagliata, in violazione dell’art. 8 del Regolamento (CE) n. 261/2004. Ryanair, infatti, si regalava 2 giorni in più per rimborsare i consumatori, 7 giorni lavorativi invece dei 7 previsti. Ora speriamo che tutto questo abbia finalmente fine nei tempi prefissati dall’Authority” conclude Dona.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori