ABI: scendono i tassi, ma va considerato il Taeg

commenta  |  pdf

Secondo i dati dell’ABI, i tassi di interesse sui mutui erogati dalle banche italiane hanno raggiunto il minimo storico, arrivando a gennaio al 2,48% dal 2,49% di dicembre. Bene, ma serve l’intervento del Governo per rassicurare i risparmiatori.

Roma, 16 febbraio 2016 – “E’ vero che i tassi sono ai minimi, ma vogliamo precisare che il tasso che conta, che deve considerare il consumatore  per valutare la convenienza di un mutuo, non è il tasso medio, ma il Taeg. A dicembre, quindi, come attesta la Banca d’Italia, il Taeg per l’acquisto di abitazioni era 2,80, non 2,49” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Anche sull’erogazione di mutui, ricordiamo che secondo i dati di Bankitalia, dopo che finalmente, a novembre 2015, i prestiti al settore privato erano tornati in territorio positivo (+0,5% nei dodici mesi), a dicembre erano tornati a calare, registrando un -0,3%. Insomma, esistono ancora difficoltà, che si aggiungono al problema irrisolto delle sofferenze bancarie e del bail-in” ha proseguito Dona.

“Per questo chiediamo al Governo di fare molto di più e di dare un segno di discontinuità,  rassicurando i risparmiatori ed i mercati, emanando ad esempio il famoso provvedimento sull’arbitrato” ha concluso Massimiliano Dona.

Di seguito alcune delle richieste dell’Unione Nazionale Consumatori a Governo e Parlamento:

  • Vietare il collocamento di strumenti finanziari particolarmente rischiosi, come le obbligazioni subordinate, presso i clienti retail.
  • Separare banche commerciali da banche d’affari.
  • Togliere segreto d’ufficio su tutte le notizie, le informazioni e i dati in possesso della Banca d’Italia per la sua attività di risoluzione, prevista dall’art. 5 del d.lgsl n. 180 del 16 novembre 2015.
  • Togliere il divieto per i consumatori di poter agire giudizialmente in sede civile contro gli ex vertici delle banche, ossia contro i maggiori responsabili di questa vicenda. Ricordiamo che l’art 35 del d.lgsl n. 180 del 16-11-2015 consente alla sola Banca d’Italia o a soggetti ad essa designati l’azione di responsabilità contro i membri degli organi amministrativi e di controllo.

Emanare al più presto il provvedimento sull’arbitrato.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Non rinuciare a difenderti!

Difendere i propri diritti può essere frustrante, soprattutto se si ha di fronte una grande azienda. Ma con accanto un'associazione che ha 60 anni di esperienza nella tutela del consumatore diventa semplice.

Se hai dubbi o difficoltà ricorda che puoi sempre chiamarci allo 06 32600239. Ti risponderemo e cercheremo di risolvere insieme il tuo problema.

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida