TELEFONIA: bollette a 28 giorni, multe da 2,4 mln a Tim e Wind Tre

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Bene, ottima notizia! E’ la legge del contrappasso!

Roma, 30 novembre 2018 – Sanzioni per un totale di circa 2,4 milioni di euro sono state inflitte dall’Autorità delle comunicazioni a Tim e a Wind Tre in relazione alle modifiche contrattuali relative alla nota vicenda delle bollette a 28 giorni. In questo caso, però, la multa è relativa alla modalità con la quale, nel mese di aprile 2018, dopo aver ripristinato la fatturazione mensile, si è effettuata la rimodulazione tariffaria, aggiustando il vecchio aumento dell’8,6%.

“Bene, ottima notizia! E’ la legge del contrappasso! Anche se la multa è certo inferiore all’illecito guadagno ottenuto dalle compagnie telefoniche per non aver rispettato fin dal 23 giugno 2017 la fatturazione mensile, è una bella notizia che siano state multate per quando poi sono state costrette a tornarci per via dell’entrata in vigore della legge 4 dicembre 2017, n. 172” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“La trasparenza e la completezza delle informazioni sono sempre un diritto del consumatore. A maggior ragione il diritto di recesso, che non può essere esercitato senza un’informazione esaustiva e chiara” conclude Dona.

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online