TELEFONIA: Calenda, su fattura 28 giorni misura pro-futuro

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Grande delusione non prevedere indennizzi per i consumatori. Pronti a intraprendere azioni legali

Roma, 24 ottobre 2017 – Il ministro dello sviluppo Carlo Calenda ha dichiarato oggi che sulla fattura a 28 giorni da parte delle società di tlc ci sarà una misura “pro-futuro” in manovra.

“Se quel pro futuro significa che non sarà previsto un indennizzo per i consumatori che stanno ora pagando l’8,63% in più del dovuto, allora è una grande delusione” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Anche da parte dei partiti di maggioranza, vedasi la proposta dell’on. Morani del PD, è prevista la restituzione di quanto indebitamente percepito dalla compagnie telefoniche” prosegue Dona.

“Altrimenti saremo costretti ad intraprendere migliaia di azioni legali, intasare i Corecom o avviare interminabili class action per vedere restituire agli utenti l’incremento delle bollette verificatosi dall’entrata in vigore della delibera la 121/17/CONS al momento del varo della manovra” conclude Dona.

“E’ proprio su questo che fanno affidamento le compagnie telefoniche, per potersi arricchire alle spalle dei consumatori e delle famiglie” conclude Dona.

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online