TRASPORTI: vanno rimossi i tutor dalle autostrade

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Per i giudici il brevetto è copiato ed i tutor vanno rimossi. Grave danno per la sicurezza.

Roma, 10 aprile 2018 – Secondo quanto disposto oggi dalla Corte d’appello di Roma vanno rimossi i tutor dalla rete autostradale, perché la Società Autostrade avrebbe copiato il brevetto da una ditta.

“Non interveniamo nel merito della sentenza e degli eventuali diritti della ditta Craft, ma è di tutta evidenza che si tratta di una grave danno per la sicurezza stradale” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“In questi anni il tutor ha garantito molta più sicurezza rispetto all’autovelox. Non solo la velocità media consente di evitare multe assurde, magari per il superamento del limite di 6 km/h, ma la postazione fissa scongiura il pericolo che l’automobilista freni all’improvviso a fronte di autovelox nascosti, causando incidenti, oppure che rallenti solo per un breve tratto per poi riprendere a correre” conclude Dona.

Autostrade per l’Italia ha comunicato che il Tutor non verrà rimosso, ma sarà immediatamente sostituito con un nuovo sistema diverso da quello attuale.

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.
Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online