Le case italiane consumano troppa energia per il riscaldamento

Le case italiane consumano troppa energia per il riscaldamento

Le case italiane consumano troppa energia per il riscaldamento, poiché molte sono state costruite senza tenere in considerazione l’efficienza energetica. In media si consuma tra i 140 ed i 170 kwh/m2/anno. Per meglio comprendere questo dato, basti pensare che esistono oggi tecnologie costruttive ed impiantistiche che consentono di abbassare i consumi per il riscaldamento anche del 30-40%, mantenendo le medesime condizioni di comfort. Anche nelle case esistenti si possono ridurre gli attuali consumi, utilizzando le tecnologie ed i nuovi materiali disponibili, insieme ad un’attenta gestione dell’impianto di riscaldamento.

In generale, possiamo dire che se battere i denti non fa bene, anche l’eccessivo caldo crea problemi alla salute: un giusto compromesso tra salute, portafoglio e ambiente è quello di tenere durante il giorno la temperatura tra i 19 e i 20 gradi.  Un solo grado in più fa aumentare i consumi tra il 5 e l’8%. Se il riscaldamento è autonomo, di notte la caldaia va spenta e programmata per la riaccensione un paio d’ore prima della sveglia mattutina.

I consigli su come risparmiare sul riscaldamento

Ecco di seguito qualche utile consiglio per verificare se il proprio impianto di riscaldamento è efficiente, oppure se ha bisogno di interventi per migliorarlo e risparmiare energia.

  1. La nostra abitazione è bene isolata?

Un edificio male isolato fa aumentare le spese per il riscaldamento e per il condizionamento estivo, perché disperde il calore attraverso le finestre, le pareti, i solai ed il tetto.

  1. Le finestre e le porte vetrate forniscono luce ed aria alle stanze e favoriscono gli apporti temici gratuiti del sole nella casa. 

Tuttavia, se non hanno ancora i doppi vetri possono disperdere il calore della casa, anche se l’edificio è sufficientemente isolato nelle sue parti murarie. L’intervento più risolutivo consiste nella sostituzione dei serramenti con altri predisposti di doppi vetri: l’intercapedine tra i due strati di vetro (vetrocamera) serve a ridurre il passaggio di calore.

  1. L’efficienza della caldaia

L’efficienza della caldaia è fondamentale per risparmiare sul riscaldamento e per ridurre le emissioni inquinanti. Le caldaie a condensazione sono più efficienti di quelle tradizionali, perché recuperano il calore disperso nel camino e lo riutilizzano nel riscaldamento. Il loro costo è superiore del 30-40 per cento ai modelli tradizionali, ma la spesa viene ammortizzata nel giro di pochissimo tempo in quando rendono almeno il 20-30% in più.

Vedi anche: Caldaia: come sceglierla

  1. Le valvole termostatiche

Queste valvole, installate sui caloriferi rendono indipendente il funzionamento dei vari termosifoni all’interno dell’abitazione, poiché regolano automaticamente l’afflusso di acqua calda in ciascun termosifone, sulla base della temperatura scelta ed impostata nella manopola graduata. La valvola si chiude mano a mano che la temperatura della stanza si avvicina a quella desiderata, dirottando l’acqua calda verso gli altri radiatori ancora aperti. Impostando temperature differenziate nelle varie stanze, si ottiene una corretta gestione del comfort secondo le diverse necessità degli abitanti della casa.

 

Le detrazioni fiscali

Attualmente è assai conveniente realizzare interventi di riqualificazione energetica degli edifici, poiché una parte consistente (che può variare dal 50 al 90% a seconda degli interventi) dei costi sostenuti può essere detratto dall’IRPEF. Ricordiamo infine che è comunque consigliabile far effettuare da un professionista indipendente una Analisi Energetica Dettagliata dell’edificio, prima di decidere gli interventi da fare e di affidare l’incarico all’impresa che dovrà eseguire i lavori.

Ecco a questo link il sito dedicato di ENEA alle detrazioni fiscali per l’efficienza energetica:  https://www.efficienzaenergetica.enea.it/detrazioni-fiscali.html

Per maggiori informazioni è possibile contattare i nostri esperti attraverso il nostro sportello di assistenza ai consumatori.

Autore: Marco Vignola
Data: 2 gennaio 2019
Aggiornamento: 15 aprile 2020

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Nicola

sono un anziano passati 86 anni solo nella propria abitazione rimasto vedovo da 2 anni ho il bruciatore a gasolio dove questo costa una fortuna attualmente ho cercato di cambiare mettendo un altro sistema con bruciatore a pellet ma nessuno mi fa credito al contrario un venditore mi ha imbrogliato rubandomi i soldi nel versare una caparra senza rilasciarmi una dovuta ricevuto, e veramente un mondo di ladri

Avatar
geppo in folle

“……I pellets sono ecologici e meno costosi di altri combustibili: infatti non si aumentano le emissioni di CO2…..”
Però non viene mai menzionato, da nessuna parte, che le stufe a pellets (e a legna) sono causa principale dell’aumento del pm10 imputato, falsamente, alle sole vetture diesel….
(Indagine dell’Arpa Lombardia del 2017)

Avatar
Stefano

Ho tenuto tutte le valvole termostatiche a 3, anzi alcune a 2 e un calorifero addirittura a zero cioè spento. é possibile che io abbia pagato il doppio rispetto allos corso anno quando i miei termosifoni andavano al massimo? Mi aspettavo non di risparmiare, ma almeno di spendere la stessa cifra dello scroso anno e invece……..

Avatar
Gaetani

Scusate ma cosa ci sarebbe da brevettare in questo metodo?il mio termostato che costa 90 euro ha un delta di 0,1 gradi. È cosa risaputa e ci sono indicazioni simili dappertutto.

Avatar
Franco Russi

Avete mai pensato per quante ore una caldaia continua ininterrottamente a funzionare al massimo della sua potenza per recuperare il calore perso durante le ore di fermo dell’impianto? Qualcuno ha mai provato a tenere l’impianto acceso 24/24 ore per tutto l’inverno ? Qualcuno ha mai provato a cuocere la pasta o un cibo spegnendo la fiamma alcuni, anche diversi minuti prima del tempo indicato e previsto ? Tutto si cuoce lo stesso. Cosa voglio dire dire:
quando l’ambiente è tutto caldo ( massa termica ), l’impianto di riscaldamento dovrebbe solo intervenire per immettere solo la quantità di calore disperso nel tempo ( istante per istante). Io riesco ad ottenere anche il 40 % con il mio metodo.

Avatar
giancarlo celli

ciao , mi spiegheresti il tuo metodo , come bisognerebbe fare? te ne sarei grato . ciao

Avatar
Sergio

Si regola il termostato alla temperatura voluta e si setta il delta a 0.3 /0.5 °C
Ci sono dei termostati che lo fanno.
Se hai impostato per esempio 20°C, una volta raggiunti i 20°C la caldaia si spegne e si riaccende a 19.7°C(se si setta il delta a 0.3) e si rispegne a 20.3°C.
Praticamente si ha sempre una temperatura costante e la caldaia è accesa per pochi minuti.
Molto gioca avere dei radiatori in ghisa e una buon isolamento da spifferi.
Ma anche se non ci sono queste condizioni, il risparmio è notevole rispetto a far risalire la temperatura ogni volta che si spegne la caldaia dai 14/15 °C che ci sono in casa ai 20°C.
Questo metodo lo uso da anni e la differenze è notevole.

Avatar
Alan

Un po’ come l’acqua dei sanitari in estate… inutile tenere l’acqua a 60 gradi e miscelare poi con la fredda al 60% perché la si desidera magari tiepida o meno. Quindi si tiene sui 45 gradi.
Per il riscaldamento fai lo stesso. .. parti da acqua dei caloriferi a 50radi ( poi valuti tu ) e imposta il termostato a quanto più desideri. Ci metterai un sacco a scaldare ma una volta ottenuto ciò, sarà irrisoria il consumo di gas. Ma ciò non toglie, anche se la caldaia funziona 24 su 24 ,un notevole risparmio.
Ovviamente tutto fa il fattore casa…termosifoni. ..ambiente esterno ecc

Avatar
Alan

Esatto!

110 e lode!

Avatar
marco

ciao franco, vorrei sapere di più anch’io, grazie

Avatar
franco

Il metodo da me indicato è oggetto di un mio brevetto. In questi giorni stiamo facendo prove di confronto fra impianto tradizionale ed impianto gestito dal mio apparato ed il risparmio ottenuto va dal 52% al 60%. Si auto tara, si adegua automaticamente alle escursioni termiche e le oscillazioni massime ottenute nell’immobile non superano i 2 decimi di grado anche con 20 gradi di escursione termica. Vuoi delle referenze UFFICIALI ? scrivi a russif@inwind.it . Stiamo attivando ospedali di ENORMI dimensioni, abitazioni, condomini. RSA, asili etc etc ed il risultato è sempre più o meno quello. Spesso sono schernito da installatori che sostengono che a fronte della loro super fantastica ultima generazione di caldaia ( a condensazione ed a modulazione variabile) nulla può il mio sistema salvo poi scappare con la coda fra le gambe perchè nel caso più disgraziato ho riportaot un risparmio del 48% sempre ocn il perfetto automatismo. Sono in trattativa per cedere il brevetto ad una Holding mondiale.

Avatar
Adriano

Lei ha molto ragione! La legge italiana che riguarda le ore di accensione e spegnimento della caldaia è datata secolo scorso(anche millennio!). Nella mia abitazione in pianura Padana classe energetica G, vecchia cascina ristrutturata, ho ottenuto un sensibile rientro dei consumi, certamente con caldaia a condensazione con l’ aggiunta di due fan coil sul resto dell’impianto con termo in ghisa. Ma soprattutto con mantenimento dei termostati nelle zone a temperatura costante: 19.8 a pianterreno e 19.6 al primo piano. Isteresi termostati in + è in – di 0.2. Morale da 4 anni ormai, pur con inverni diversi che sono una variabile imprevedibile, riduzione di discreto impatto dei consumi ( e quindi delle spese). Mica mi sono fermato: ho cronometrato che nei giorni molto freddi la caldaia impiega max 25- 30 min per recuperare la temperatura persa e per almeno 20 min rimane spenta. Totale ore di funzionamento su 24: record 13 media 10. Meno di 14 consentite confort buono. Il “segreto” credo stia nel miglior recupero della temperatura persa perché sia l’ambiente che l’acqua all’interno dell’impianto non diventano mai freddi! Altro test verificato,per questa casa, lasciata precipitare la temperatura di notte a 16. 6 C. Per recuperare 3,2 C la caldaia ha funzionato ininterrottamente per quasi 5 ore. Zero comfort al mattino al risveglio anzi qualche brivido. Non sono un genio della termodinamica, anzi, ma mi viene da pensare che serve meno energia per conservare un fenomeno rispetto a doverlo generare tutte le volte. Meditiamo gente meditiamo. Dimenticata cosa importante: nell’impianto la temperatura impostata è 50 C. Il minimo perché la caldaia condensi… Provate.

Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma

Vuoi l’offerta di luce e gas più conveniente ed essere sempre tutelato?