I protagonisti del #premiodona2014

Redazione UNC
25 Novembre 2014
Condividi su:
A Nicola Gratteri e Jeremy Rifkin il Premio per le personalità ‘Vincenzo Dona, voce dei consumatori’, edizione 2014. I vincitori della sezione stampa, sono invece “Mi manda Raitre” e “Wired Italia”. Al giorno d’oggi, infatti, il nuovo circonda le esistenze di ciascuno di noi, per questo il filo conduttore della nostra mattinata di confronto sarà punteggiato da quelle parole nuove ormai entrate nell’uso comune come “start up”, “car sharing”, “social”, “rating” o “new health” e per farlo abbiamo coinvolto sul palco i principali protagonisti dell’economia condivisa come: Facebook, Amazon, Airbnb, Eni Enjoy, Presso, Italia Startup, Nielsen, Emilione.it; e ancora  Assosalute, SEiD Security and Identity System, Leroy Marlin, Whirlpool, Sky Italia, J.W. Thompson. In questi nuovi paradigmi del nuovo, non può mancare un riferimento alla legalità (e questo spiega la nostra scelta di premiare un magistrato come Nicola Gratteri che proprio in questi mesi è stato incaricato da Matteo Renzi di riscrivere alcune norme di contrasto alla criminalità organizzata). Senza questa parola, senza “legalità”, l’albero del nuovo (che domina la creatività dell’ottava edizione del Premio) non potrà portare alcun buon frutto, ma diventa, citando uno dei libri dello stesso Gratteri, una “malapianta”. La pianta che fiorisce ci è sembrata l’immagine più adatta per rappresentare l’idea della cultura del nuovo che cresce perché immaginiamo il nuovo come un “fatto naturale”, un fenomeno che si diffonde intorno a noi come fa un virgulto che si sviluppa, diventa albero senza chiederci ragioni e senza avvertirci se domani vorrà portare frutti. Accanto al titolo “cresce la cultura del nuovo”, il sottotitolo che abbiamo scelto riassume l’interconnessione sempre più stretta tra imprese e consumatori: “nuove imprese per nuovi consumatori” significa infatti che per far fiorire la cultura del nuovo è necessario uno sforzo da parte dei consumatori, affinché abbandonino la classica idea di possedere un bene a favore dell’accesso e della condivisione, ma serve questo genere di innovazione anche ad opera delle aziende che si devono dimostrare all’altezza di una nuova economia. D’altronde non hanno molte alternative perché il consumatore vuole di più, desidera dare un contributo, cambiare un prodotto a averlo sempre più personalizzato; non so se arriveremo come teorizzato da Jeremy Rifkin (che concluderà la nostra mattinata di lavori con una relazione in video su “commons collaborativo”) all’eclissi del capitalismo a favore dell’era del consumo collaborativo, ma sicuramente per rimanere competitive sul mercato le aziende dovranno accettare di confrontarsi con i paradigmi della nuova economia: la condivisione, la sostenibilità, una nuova fiducia da parte dei consumatori. Queste sono solo alcune anticipazioni di quello che è diventato negli anni il più importante evento sui consumi nel panorama italiano, che quest’anno sarà trasmesso in diretta sui canali active di Skytg24 e come di consueto sarà tradotto in lingua dei segni per i nostri amici sordi, presenti in sala: appuntamento quindi a domani 26 novembre al Teatro Argentina (segui su Twitter gli hashtag #premiodona2014 e #consumatorinuovi) per scoprire tutte le novità di questa edizione!

Autore: Unione Nazionale Consumatori Data: 26 novembre 2014
Condividi su: