Garanzia post-vendita: il venditore è responsabile del prodotto difettoso

prodotti difettosi

Garanzia post-vendita: il venditore è responsabile del prodotto difettoso (sia che si tratti di elettrodomestici, auto, abbigliamento, mobili, pc, telefoni, condizionatori, prodotti alimentari, etc.). Contatta subito i nostri sportelli per avere assistenza dedicata. La legge infatti stabilisce che l’acquirente ha diritto a una garanzia legale della durata di due anni che può far rivalere sul venditore in tutte quelle situazioni in cui il prodotto risulta difettoso, non funzionante, difforme rispetto a quello ordinato o diverso da quello descritto nella pubblicità.

I rimedi previsti dalla garanzia legale sono:

  1. riparazione o sostituzione del bene (c.d. rimedi primari), che si caratterizzano per i seguenti elementi:
  • sono alternativi, a scelta del consumatore, salvo impossibilità o eccessiva onerosità dell’uno rispetto all’altro;
  • sono senza spese per il consumatore;
  • devono essere posti in essere entro un congruo termine e non devono arrecare notevoli inconvenienti al consumatore.
  1. riduzione del prezzo o risoluzione del contratto (c.d. rimedi secondari), che si caratterizzano per i seguenti elementi:
  • sono anch’essi alternativi, a scelta del consumatore;
  • sono attivabili nel caso in cui la riparazione o la sostituzione siano impossibili o eccessivamente onerose; nel caso in cui riparazione o sostituzione siano tardive rispetto al termine congruo assegnato; nel caso in cui riparazione o sostituzione abbiano  provocato notevoli inconvenienti al consumatore.

Pertanto, quando la riparazione o la sostituzione non abbiano dato esito favorevole per il consumatore, egli potrà richiedere, a sua scelta, la risoluzione del contratto (e cioè dovrà restituire la merce con restituzione contestuale del prezzo pagato) o la riduzione del prezzo (il consumatore potrà tenere il bene “difettoso”, ma con il rimborso di una parte del prezzo). Nel caso della riduzione del prezzo, l’entità della somma da restituire sarà proporzionata all’uso che sia stato fatto della cosa, valutando il singolo caso.

Quali sono i termini per far rispettare la garanzia? Leggi Garanzia post-vendita, i termini per far valere i diritti

Per avere maggiori informazioni su garanzia legale e convenzionale, leggi Garanzia legale e garanzia convenzionale, quale differenza e quale difesa?

HAI BISOGNO DEL NOSTRO AIUTO? SCRIVICI ALLO SPORTELLO PRODOTTI DIFETTOSI

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 20 marzo 2019

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Michela

Ho acquistato un telefono iphone con contratto, legata alla compagnia per 30 mesi. Al mese nr 25 lo schermo del telefono si rompe (non per caduta o acqua, semplicemente diventa nero e non funziona più). Il negoziante dice che lo devo riparare a mie spese visto che la garanzia è scaduta al mese 24. Che fare?
grazie

Unione Nazionale Consumatori
Unione Nazionale Consumatori

Gent.ma Michela, Il codice del Consumo stabilisce all’art. 132. Comma 2 stabilisce che il consumatore ha 2 mesi di tempo per denunciare al venditore il difetto di conformità. Pertanto, se il consumatore avesse rilevato il difetto l’ultimo giorno del 24° mese, avrebbe comunque ulteriori 2 mesi di tempo per richiedere l’intervento in garanzia. Se ha già detto al negoziante che il vizio si è rivelato al 25° mese allora dsarà difficile ritrattare e convincere la controparte che il difetto si era manifestato al 24° mese.

Avatar
alessandro

ho una lavatrice vexa acquistata dal gruppo papino-trony acquistata ad ottobre 2013 un paio di settimane fa si rompe vado dove l’ho acquistata e mi hanno detto che il pezzo è gratis ma si deve pagare il tecnico …? è sensato..? non è gratis …

Unione Nazionale Consumatori
Unione Nazionale Consumatori

Gent.mo Sig. Alessandro, come avrà letto nell’articolo I termini per far valere i diritti di garanzia sono:
– 2 anni decorrenti dalla consegna del bene (nel caso di vendita di beni usati, le parti, come già evidenziato, possono limitare tale termine a 1 anno);
– 2 mesi di tempo dalla scoperta per denunciare al venditore il difetto (la denuncia non è necessaria se il venditore ha riconosciuto l’esistenza del difetto o l’ha occultato).
Il consumatore ha, quindi, complessivamente 26 mesi dalla consegna (24 mesi + 2 mesi per denunciare) per far valere i suoi diritti in giudizio. E’ opportuno, dunque, conservare tutti i documenti che attestino la data dell’acquisto (scontrino, fattura, ecc.) e la data di consegna del bene, in caso avvenga successivamente al perfezionamento dell’acquisto.
Non è assolutamente dovuto il pagamento dell’intervento tecnico.

Avatar
Yuri

anche a me Ariston ha chiesto 30 euro per uscita tecnico per asciugatrice che ha meno di 2 anni. Cosa devo fare? se richiamo e si rifiutano di uscire?

Avatar
Maurizio Bertocchi

Ho acquistato un prodotto (tablet) unieuro di Paderno Dugnano. La commessa mi dice che la garanzia è di solo 1 anno perchè ho richiesto la fattura… è normale? dovevo acquistarlo “in nero”?

Unione Nazionale Consumatori
Unione Nazionale Consumatori

Lo ha acquistato come privato?

Avatar
alex zappaterra

Dopo 23 mesi, per l’ennesima volta ( la terza più precisamente ) che si rompe lo stesso pezzo, l’assistenza mi dice che non può effettuare la sostituzione del medesimo perchè fuori garanzia, ma è possibile ciò? non dovrebbe essere in garanzia il pezzo stesso sostituito?

Unione Nazionale Consumatori
Unione Nazionale Consumatori

Dopo quanto tempo rispetto all’ultima sostituzione del pezzo, lei ha chiesto l’intervento in garanzia?

Avatar
Andrea

Dopo il sesto mese AEG per l’assistenza alla lavatrice mi chiede di pagare il diritto di chiamata (30eu) per il tecnico,

Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma

Vuoi l’offerta di luce e gas più conveniente ed essere sempre tutelato?