ANTITRUST: bocciato equo compenso per i professionisti

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Le tariffe minime vanno abolite. E’ il consumatore che va tutelato, non il professionista

Roma, 27 novembre 2017 – Secondo l’Antitrust, le norme sull’equo compenso contenute nel dl fiscale, reintroducendo un sistema di tariffe minime, non rispondono ai principi di proporzionalità concorrenziale.

“Giustissimo. La verità è che le tariffe minime non sono mai state realmente eliminate. Uscite dalla porta sono rientrate dalla finestra sotto forma di parametri, diventando valori di riferimento per i professionisti nella determinazione del compenso. Ora però vengono reintrodotte ufficialmente, creando pure problemi a chi vuole stare sotto” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. 

“Il punto vero, infatti, non è tutelare il professionista dal cliente forte, ma il semplice consumatore da chi è troppo caro, aumentando la concorrenza tra chi fornisce il servizio” conclude Dona.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online