BANCHE: Mef apre a plusvalenze a risparmiatori

2 commenti  |  pdf

Il Mef ha aperto alla possibilità che eventuali plusvalenze ottenute dalla vendita delle sofferenze delle 4 banche possano andare ai risparmiatori.Per l’unione Nazionale Consumatori è un’ottima notizia…

Roma, 21 gennaio 2016 – “Ottima notizia. Considerato che i crediti inesigibili sono stati svalutati dell’83%, da 8,5 a 1,5 miliardi, vuol dire che ora ci sono, almeno potenzialmente, 7 miliardi a disposizione per risarcire i risparmiatori. Era un sacrosanto diritto dei consumatori che quei soldi venissero destinati al loro risarcimento. Con 2 di quei 7 miliardi potrebbero restituire i soldi sia a tutti gli obbligazionisti che a tutti gli azionisti” ha dichiarato l’avv. Corrado Canafoglia dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Non dimentichiamo che, anche in caso di applicazione del bail-in, secondo l’art. 87 del D.gls n. 180/2015, gli azionisti ed i creditori i cui crediti sono stati ridotti non possono subire perdite maggiori di quelle che avrebbero subito se l’ente sottoposto a risoluzione fosse stato liquidato, cosa che sarebbe accaduta destinando eventuali plusvalenze al Fondo di risoluzione. Quindi, per noi, un atto dovuto. Resta comunque una notizia importante che apre uno spiraglio a possibili risarcimenti” ha concluso Canafoglia.

I consumatori coinvolti nei problemi con le banche possono contattarci attraverso il nostro sportello

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori