CONFCOMMERCIO: per tornare a spesa famiglie pre-crisi bisogna attendere il 2030

commenta  |  pdf

Roma, 8 giugno 2015 – “I dati resi noti oggi dalla Confcommercio sono drammatici” ha dichiarato Massimiliano Dona (segui @massidona su Twitter), Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Se bisogna attendere fino al 2030 per tornare alla spesa delle famiglie pre-crisi, è evidente che quanto messo in campo finora in tema di riforme non serve o, quantomeno, non basta. L’unico provvedimento, infatti, che è andato nella direzione giusta di ridare capacità di spesa agli italiani è il bonus di 80 euro. Troppo poco, però, considerato che non riguarda incapienti, pensionati e inattivi e che 960 euro all’anno, per quanto utili, sono comunque insufficienti per chi non arriva a fine mese. Ecco perché è necessaria al più presto una riforma fiscale che abbia come faro il rispetto del criterio della capacità contributiva sancito dall’art. 53 della Costituzione” ha concluso Dona.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori

Non rinuciare a difenderti!

Difendere i propri diritti può essere frustrante, soprattutto se si ha di fronte una grande azienda. Ma con accanto un'associazione che ha 60 anni di esperienza nella tutela del consumatore diventa semplice.

Se hai dubbi o difficoltà ricorda che puoi sempre chiamarci allo 06 32600239. Ti risponderemo e cercheremo di risolvere insieme il tuo problema.

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida