TUTTOPELLET: le vittime possono ancora insinuarsi nel fallimento

Il Comitato Regionale del Piemonte dell’Unc si è costituito parte civile nel processo per la truffa “Tutto Pellet”. A luglio la scadenza per insinuarsi nel fallimento.

Roma, 1 marzo 2016 – Truffa Tuttopellet.  Dopo la costituzione di parte civile  del Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori, la condanna per truffa in primo grado di Fabio Ballerino ed il risarcimento del danno sia materiale che morale agli stessi truffati, l’Unione Nazionale Consumatori ricorda alle vittime che non hanno ancora adito le vie legali che è possibile presentare istanza per insinuazione tardiva nel fallimento ai sensi e per gli effetti dell’art. 101 della Legge Fallimentare. n. 169/2007.

Chi è stato coinvolto nella vicenda può, quindi, contattare  l’Unione Nazionale Consumatori di Torino, Via Roma n. 366, oppure telefonare  allo 011.5611800 e allo 0121.376264 o inviare una e-mail a uncpiemonte@gmail.com

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.
Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online