Bolletta elettrica: ridotto il periodo di prescrizione

Finalmente è entrata in vigore la legge che, come da tempo richiesto dall’Unione Nazionale Consumatori che ha partecipato alla stesura degli emendamenti del Disegno di Legge Baldelli, dovrebbe (speriamo!) mettere un freno al vergognoso fenomeno delle maxi-bollette!

Il fenomeno delle maxi-bollette riguarda purtroppo migliaia di clienti (sia domestici che microimprese) ed è principalmente dovuto, da un lato, ai blocchi di fatturazione che hanno riguardato i sistemi di alcune grandi aziende del settore e, dall’altro, dai ritardi e dagli errori di comunicazione tra i distributori locali (i soggetti che si occupano della gestione dei contatori e delle reti di elettricità, gas e acqua) e i venditori (i soggetti che fatturano i consumi e ci inviano a casa le bollette).

L’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) con la delibera 97/2018/R/com ha applicato quanto previsto nella Legge di Bilancio 2018 in merito alla riduzione da 5 a due anni del periodo entro il quale cadono in prescrizione i consumi di elettricità, gas e acqua.

Innanzi tutto bisogna sapere che la norma varrà solo per le fatture la cui scadenza è successiva:

a) per il settore elettrico, al 1° marzo 2018;

b) per il settore del gas, al 1° gennaio 2019;

c) per il settore idrico, al 1° gennaio 2020.

E non avrà quindi valore retroattivo per i conguagli con scadenze precedenti a questa data.

La delibera prevede che il venditore dovrà informare il cliente della possibilità di richiedere la prescrizione contestualmente all’emissione della fattura di conguaglio e almeno con 10 giorni di anticipo rispetto alla scadenza: resta quindi invariato il fatto che la prescrizione va richiesta e non viene applicata in maniera automatica!

E’ previsto inoltre che, in caso di apertura di un procedimento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) e di reclamo inviato dal cliente all’azienda siano sospesi i pagamenti e, in caso di verifica di indebito conguaglio, restituiti gli importi entro tre mesi.

La norma prevede anche che queste prescrizioni non si applichino se la mancata o erronea rilevazione dei consumi è dovuta a responsabilità del cliente stesso.

Da un lato quindi si stabilisce il diritto alla sospensione dei pagamenti in caso di contestazione ma, dall’altro, si responsabilizza il consumatore nel controllare la correttezza delle letture fatturate, nell’utilizzare lo strumento dell’autolettura (soprattutto per le forniture di gas ed acqua) e nel consentire ai distributori locali di rilevare le letture sui contatori non accessibili (quelli all’interno delle nostre abitazioni per intenderci).

E’ sempre consigliabile, ovviamente, rivolgersi ai nostri consulenti per la verifica della correttezza di fatturazione e per attivare tutte le procedure per far valere il diritto alla prescrizione.

Per assistenza contattaci attraverso lo sportello Energia sulla nostra home page.

Ricordiamo che è attiva la nostra campagna #bollettagiusta per chiedere ai futuri governanti di impegnarsi per far pagare equamente l’energia che consumiamo. Scopri di piùAderisci alla campagna #bollettagiusta!

Autore: Marco Vignola
Data:  19 marzo 2018

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Fiorello Lieto

Lo stesso discorso del Registro delle Opposizioni. Perché devo essere io a richiedere la ” PRESCRIZIONE ” e non un fatto AUTOMATICO ? Le grandi aziende e compagnie trovano sempre il modo per fregarti con il benestare della politica..

Roberto Cassani

In questa novità ci sono alcune cose da chiarire:
Sicuramente la diminuzione della prescrizione è legata a quel fardello, del pagamento dei morosi, da parte di tutti…. quindi, i venditori, dichiareranno morosi ed intascheranno i soldi, quindi a che serve abbreviare la prescrizione, se poi i soldi li prendo in altro modo ???
Riguardo alla responsibilità del consumatore sulle letture, oltre che è sempre stata presente, ma il problema è che, in particolare per Gas ed Acqua, le letture non coincidono con tempi e metodi, di norma il consumatore deve fornire letture, gli ultimi tre giorni del mese, mentre i distributori leggono un, due o tre volte l’anno, in questo modo non ci sarà mai un controllo incrociato effettivo e reale, e nelle bollette, continueranno ad essere presenti periodi di conguaglio, in’oltre, le letture dei distributori, non vengono mai dichiarate anticipatamente al consumatore, e fatte in modo silente, quasi di nascosto….. Tanto è pressi italiana, che prima bisogna pagare e poi contestare……

Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online