Modifiche unilaterali dei contratti da parte degli operatori telefonici

2 commenti  |  pdf

Finalmente si è scritta, almeno per il momento, la parola “fine” a quella pratica oltremodo fastidiosa degli operatori di telefonia che da un po’ di tempo a questa parte hanno cambiato la frequenza della fatturazione delle bollette (fissa e mobile) passando da un mese a 28 giorni.

L’Agcom con propria delibera ha stabilito che la cadenza di fatturazione di rete fissa, deve essere il mese e ciò al fine di garantire la comparabilità delle offerte consentendo, inoltre, agli utenti di tenere sotto controllo i consumi e la spesa.

Diverso è il discorso per quel che riguarda la telefonia mobile in quanto, nella maggioranza dei casi, le tariffe sono pre-pagate con un determinato numero di minuti di chiamata, sms e traffico dati. La fatturazione ogni 28 giorni (anziché mensile) comporta una spesa maggiore per l’utente, con un incremento dell’8% circa all’anno.

E’ pur vero in tal caso che, se un utente dispone di 1 GB al mese,  ad ogni rinnovo con fatturazione ogni 28 giorni avrà 13 GB all’anno, mentre con quella mensile soltanto 12 GB e così per le chiamate e gli SMS ma è altrettanto vero che questo “regalo” da parte degli operatori nessuno l’ha chiesto.

Su questo aspetto, tuttavia, Agcom non ha grandi margini di intervento e quindi si è limitata a congelare i 28 giorni per evitare che qualche operatore possa intervenire riducendo ancora il periodo di fatturazione peggiorando ulteriormente la situazione.

Infine, nel caso di offerte convergenti che coinvolgono quindi la telefonia fissa e mobile, Agcom ha stabilito il principio della prevalenza del fisso sul mobile quindi la fatturazione sarà su base mensile.

Vi terremo aggiornati sull’evoluzione della vicenda.

Autore: Claudio Pontellini
Data: 31 marzo 2016

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Gennuso sebastiano

Perché per la telefonia mobilei se l’utente chiude il contratto prima dei termini prefissati è obbligato a pagare delle penali mentre gli operatori telefonici quando aumentano le tariffe ti permettono solo di cambiare operatore e non ti pagano nessuna penale? Cambiare operatore costa soldi e disagi. Ma nei contratti comandano i più forti o la legge è uguale per tutti?

Giovanni

Ho ricevuto la mia ultima fattura del telefono fisso ,operatore FASTWEB, con la comunicazione della modifica delle condizioni dl contratto, che prevede il passaggio della fatturazione da mensile a 28 giorni, deciso unilateralmente dal suddetto operatore. Preciso che ho solo il contratto di rete fissa. Ho telefonato per maggiori dettagli e mi hanno confermato che dal 1° maggio il cambiamento sarà effettivo. Ora leggendo questo articolo mi domando se la delibera dell’ AGCOM deve essere rispettata o resta solo un’ opinione e come al solito in Italia vale sempre la legge del più forte cioè l’operatore telefonico.
.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori