Se disdico una prenotazione al ristorante devo comunque pagare?

Nel caso in cui effettui una prenotazione e disdici – o non ti presenti al ristorante – di norma non sei tenuto ad alcun pagamento. Sono però previste alcune eccezioni, vediamo quali sono.

Solitamente il servizio di prenotazione è gratuito. Per cui, anche se il comportamento corretto da parte del consumatore è avvisare il ristorante nel caso in cui non possiamo rispettare l’impegno preso quando abbiamo prenotato un tavolo, se non ci presentiamo (il cosiddetto no show) non siamo tenuti a sostenere alcun costo. Lo stesso vale nel caso in cui decidiamo di disdire la prenotazione stessa.

Quando devo pagare nel caso in cui non mi presento al ristorante

Se però il ristoratore indica dei costi in caso di mancata presenza al locale e contestualmente ti chiede gli estremi della carta di credito durante la fase di prenotazione, allora dovrai sostenere tali costi nel caso in cui non ti presenterai al ristorante.

Questo accade anche ogni volta che tra ristoratore e consumatore si stabilisce un accordo scritto specifico per il quale anche il consumatore ha espresso esplicitamente il consenso. È il caso ad esempio di una prenotazione effettuata su un sito web in cui sono presenti delle clausole penali. Queste valgono però solo se il consumatore ha espresso il proprio consenso, ad esempio spuntando una casella tramite cui si accettano le condizioni del contratto. È fondamentale in questi casi leggere per intero le condizioni per l’accettazione.

Cosa accade nel caso di prenotazione al ristorante in anticipo con accordi sul menu

Se la prenotazione rientra tra gli accordi standard, anche in questo caso non si pagherà niente in caso di disdetta o mancata presentazione.

Alcune volte i ristoranti chiedono un numero di telefono per confermare la prenotazione: in questo caso il numero di telefono serve al ristoratore per poter comunicare con il cliente nel caso in cui si verifichino degli imprevisti -nonché per tutelarsi sulla serietà della prenotazione- tuttavia questo scambio di informazioni non costituisce un accordo specifico.

Diverso è nel caso di una prenotazione in cui il cliente concorda con il ristoratore, in anticipo, le condizioni del contratto come data, tavoli e menu. In questo caso quello che si conclude è un contratto con prestazione futura il cui oggetto è certo e determinato e in cui anche il prezzo finale da pagare è noto. In questo caso, se il cliente effettua una disdetta, chi è titolare del locale può chiedere il risarcimento del danno. Questo dovrà essere provato: per ottenerlo si dovrà dimostrare che era stato ordinato uno specifico menu, il numero dei coperti prenotati, ma anche che la disdetta non è avvenuta in tempi idonei a evitare la perdita economica o che si sono già sostenuti i costi per l’acquisto degli alimenti

Come comportarsi quando si effettua una prenotazione al ristorante

Come consumatori e consumatrici abbiamo sia diritti che doveri anche quando andiamo al ristorante. Pur non essendo tenuti ad alcun pagamento in caso di disdetta o se non ci presentiamo al locale, è sempre preferibile comportarsi correttamente e, se pensiamo di non poter rispettare la prenotazione, avvisare per tempo il locale in modo che non debba subire un danno causato dal nostro mancato avviso.

Autore: Martina Benini
Data: 26 luglio 2022

 

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.
Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di
TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2022 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2022 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma