Progetto Life – Food.Waste.StandUp

commenta  |   stampa  |  pdf

Progetto LifeSecondo la FAO nel mondo vengono sprecate 1,3 mld ton di cibo ogni anno, per un valore di oltre 2.000 mld di euro all’anno; e in Italia, ogni anno vengono buttati nella spazzatura alimenti per un valore di circa 12,6 mld di euro.

In Italia, il solo spreco di alimenti tra le mura domestiche, arriva a 6 mld euro, circa 4,5 euro settimanali a famiglia. In sostanza in Italia, ogni anno vengono sprecati 85 kg di cibo pro-capite.

Secondo la Commissione Europea, per spreco alimentare si intende “l’insieme dei prodotti scartati dalla catena agroalimentare, che  per ragioni economiche, estetiche o per la prossimità della scadenza di consumo, seppure ancora commestibili e quindi potenzialmente destinati al consumo umano, sono destinati ad essere eliminati o smaltiti”.

Il Waste Resources Action Program (WRAP) propone una definizione di food waste che distingue lo spreco di cibo in: evitabile (cibo e bevande finiti in spazzatura ma ancora edibili, come pezzi di pane, mele, carne, ecc.); possibilmente evitabile (cibo e bevande che alcune persone consumano e altre persone no; ma anche il cibo che può essere consumato se cucinato, per esempio la buccia di patate); “inevitabile” (ossa di carne, gusci d’uovo ecc.).

In Italia, emerge che una quota significativa dello spreco alimentare è riconducibile al comportamento dei consumatori individuali e delle famiglie e si consuma quindi, non solo nei ristoranti o nella filiera della produzione e distribuzione, ma tra le mura domestiche.

Da qui nasce l’esigenza di fornire un’informazione volta a promuovere stili di vita corretti, così come comportamenti individuali che mirino ad arginare il fenomeno dello spreco, e allo stesso tempo, che tutelino la salute dei consumatori (es. corretta conservazione dei cibi, scadenze etc.).

In quest’ottica, con l’obiettivo di promuovere la prevenzione e la riduzione degli sprechi alimentari, Unione Nazionale Consumatori, con Federalimentare (capofila), Federdistribuizone e Fondazione Banco Alimentare Onlus, ha dato il via al progetto LIFE-FOOD.WASTE.STAND.UP., co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma per l’ambiente e l’azione per il clima (LIFE 2014 – 2020).

Fulcro del progetto sono le campagne di informazione e sensibilizzazione dedicate a tutti gli attori della filiera. Tra le attività che saranno realizzate per i consumatori:

  • aperture di 59 info point in 15 regioni italiane;
  • realizzazione di materiali informativi;
  • un’App con consigli anti spreco;
  • un servizio “l’esperto risponde” a disposizione dei cittadini;
  • eventi di contatto con la cittadinanza;
  • articoli di approfondimento sulla nostra newsletter (per iscriversi gratuitamente alla newsletter clicca qui), e sul bimestrale “Le scelte del consumatore”;
  • video clip informativi;

Scarica la brochure

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori