Rimozione forzata dell’auto: cosa fare se è capitato anche a te?

rimozione forzata

Nel caso dovessimo scoprire che la nostra auto non è più nel posto dove era stata parcheggiata è possibile che la stessa sia stata rimossa (comma 3 dell’Art. 215 relativo al Codice della Strada). In questo caso, ricordiamo che la prima cosa da fare è contattare la Polizia Municipale (06.67692303), indicando i dati del veicolo (tipo di vettura e targa) e il luogo dove era parcheggiata. In caso di rimozione la Polizia ci fornirà tutte le informazioni necessarie e i documenti da presentare per procedere al ritiro del veicolo. Sicuramente bisognerà presentarsi nel luogo presso cui è ricoverata la vettura muniti di un documento di identità in corso di validità, libretto di circolazione, regolare documento di assicurazione del veicolo valido (sperando che i consumatori si siano ricordati di prelevarli dal veicolo).

Altra condizioni per poter ritirare il veicolo è il pagamento integrale della somma richiesta che sarà il risultato della somma tra i costi di prelievo del veicolo (variabile a seconda della distanza tra il posto dove l’auto è prelevata e il deposito più vicino), la spesa relativa alla custodia del mezzo (calcolato sulla base del numero di giorni in cui la vettura resta in deposito) e il costo della sanzione (varia a seconda del tipo di infrazione). Il Comune di Roma ha pubblicato una tabella nella quale sono esposti tutti i costi del servizio di rimozione.

Più in dettaglio scopriamo che il primo costo da sostenere è quello relativo alla chiamata (circa 30 euro) e alle operazioni di carico e scarico della vettura (circa 60 euro). A questo dobbiamo aggiungere il costo del trasporto del veicolo dal luogo di rimozione fino al deposito (da 4 euro/Km per i giorni lavorativi fino a 7 euro per notturno e festivi)

Da una stima effettuata sulla base dei dati in nostro possesso, il costo di una rimozione si aggira, in media, su un costo di 150/200 euro a cui aggiungere l’IVA e il costo della sanzione (ad esempio in caso di divieto di sosta 39 euro) che può essere pagata entro un termine massimo di 15 giorni, se si tratta di un bollettino trovato sul parabrezza, mentre se la multa è stata notificata al proprio domicilio, il termine sarà di 60 giorni.

Ma il vero problema è  il costo della rimozione: vi sembra coretto che siano addebitati ai cittadini oneri così elevati? Senza dire che andrebbero risolti anche altri problemi per evitare gli inconvenienti dovuti alla cattiva amministrazione del servizio. Registriamo infatti che i depositi destinati al ricovero dei veicoli rimossi, sono molto distanti dal centro e raggiungibili solo con mezzi privati (auto o taxi, no Car sharing perché in area non gestita dal servizio) quindi con ulteriori costi a carico dei cittadini. Il tema della distanza è importante anche per la sicurezza di chi deve recuperare il veicolo durante la notte.

Resta poi da chiarire il discorso del pagamento dell’intera somma della rimozione per procedere al ritiro del mezzo in quanto questo adempimento non considera le situazioni di eccezionalità, come ad esempio il fatto che un cittadino potrebbe non disporre del contante o di uno strumento di pagamento abilitato (carta o bancomat): il che potrebbe far lievitare i costi di custodia. Riteniamo, invece, che si potrebbero adottare soluzioni alternative e già operative in altri settori come ad esempio il pagamento con bollettino per il pagamento del trasporto dei mezzi in avaria nei tratti autostradali.

HAI BISOGNO DEL NOSTRO AIUTO? SCRIVICI ALLO SPORTELLO GENERICO

Autore: Dino Cimaglia
Data: 9 gennaio 2019

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Davide

La pena non è proporzionata all’infrazione: i costi spropositati si spiegano solo come una manovra studiata dai Comuni per racimolare denaro in fretta e facilmente :(((
Lo Stato, in generale, è peggio di un usuraio!

Avatar
Domenico

B. Giorno!!
Anche a me ieri hanno portato via la macchina con il carroattrezzi, ero a
P. zza S. Francesco, premetto che la multa la potevo capire(non c’era posto e quindi non era parcheggiata benissimo),,invece me l’hanno portata via, adesso sto andando a ritirarla!! Mi hanno detto che dovrò pagare 320,00euro!! Ma come mai la l’amministrazione comunale ha incaricato delle aziende private per queste cose, sebza nemmeno mettere un tetto limite in base anche allo stipendio medio (1.350,00) che uno prende??
Veramente una vergogna!!!!
In tutto questo il vigile mi dice che ogni sabato sono lì apposta per fare le multe, ma non per impedirle!!!
Grazie amministrazione!!!

Avatar
Raffaella

Oltre ai costi onerosi e la distanza, è lecito che il deposito faccia orari di pausa, per cui si è anche obbligati ad aspettare che riparano?


Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori
© 2019 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
"Acquisto usato online"

Inserisci il tuo indirizzo email per scaricare la nostra guida.