L’esperto risponde su… garanzia cucina

Ho cambiato la cucina di casa, ma subito dopo il montaggio ho riscontrato dei problemi con alcuni pezzi. Mi sono rivolto al venditore che però mi ha detto che è responsabilità dell’azienda produttrice. Che cosa devo fare? 

E’ il negoziante ad essere responsabile del prodotto difettoso durante i primi due anni dall’acquisto: si tratta della garanzia legale durante la quale il consumatore ha il dovere di segnalare per iscritto ogni problema (entro due mesi dalla scoperta del difetto).

Per valersi di questa garanzia prevista dal Codice del Consumo non serve altro che la fattura/scontrino (o qualunque altra prova d’acquisto, come un contratto o la ricevuta della carta di credito). 

Facendo valere la garanzia legale il consumatore ha diritto, a sua scelta, alla riparazione o alla sostituzione del bene difettoso da parte del venditore, senza addebito di spese. Solo se il venditore non provvede a riparare o sostituire il bene entro il termine congruo (o la riparazione effettuata in precedenza ha portato notevoli inconvenienti) il consumatore può arrivare a richiedere la risoluzione del contratto.

Non è legittimo dunque che il venditore rimpalli la propria responsabilità sul produttore, ma ricordate: sta all’acquirente denunciare al venditore il difetto di conformità per iscritto mediante lettera raccomandata A/R o per e-mail o via fax.

HAI BISOGNO DEL NOSTRO AIUTO? SCRIVICI ALLO SPORTELLO PRODOTTI DIFETTOSI

Autore: Massimiliano Dona
Data: 26 febbraio 2019

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.
Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori
© 2019 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
"Acquisto usato online"

Inserisci il tuo indirizzo email per scaricare la nostra guida.