CORONAVIRUS: jogging o non jogging? Questo è il problema

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Il ministero degli Interni si contraddice sul jogging. Ammesse invece passeggiate con i bimbi.

Roma, 31 marzo 2020 – “La confusione regna sovrana. Il ministero degli Interni durante questa emergenza nelle sue circolari esplicative ha spesso detto cose diverse, più restrittive, rispetto a quanto scritto nella norma di riferimento. Anche le Faq del Governo dicono spesso cose differenti rispetto al testo letterale del decreto varato. Ma adesso si è toccato il fondo. Mentre la Circolare appena emanata dice che non si può fare jogging, una nota stampa sembra riammetterlo. Insomma siamo ad un dilemma amletico: jogging o non jogging? Questo è il problema!” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori

“Ci domandiamo come possono essere multati i cittadini che, in perfetta buona fede, non capiscono cosa possono o non possono fare” prosegue Dona.

La circolare dice: “si evidenzia che l’attività motoria generalmente consentita non va intesa come equivalente all’attività sportiva (jogging)“. Quindi non si può fare jogging.

La nota stampa, che non ha alcuna valore legale, dice: “la circolare evidenzia che l’attività motoria generalmente consentita non va intesa soltanto come equivalente all’attività sportiva (jogging)“. Quindi si può fare.

Ai posteri l’ardua sentenza!

 

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.
Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma