CARO BENZINA: il relatore del Dl bollette chiederà sterilizzazione dell’Iva

Bene la proposta del relatore del Decreto bollette, sarebbe ora che si intervenisse sull’Iva dei carburanti ma vanno anche ridotte accise di 30 cent.

Per la legge di conversione del decreto bollette, il relatore del disegno di legge ha dichiarato che proporrà  la sterilizzazione dell’Iva sui carburanti, perlomeno per l’Iva aggiunta rispetto agli aumenti, 10 cent al litro.

“Bene, sarebbe ora che il Governo si svegliasse e raffreddasse i prezzi dei carburanti. Lo chiediamo dal 16 novembre 2020 quando sono cominciati i rialzi, ma ora è diventata un’emergenza nazionale visto che i prezzi hanno raggiunto, come abbiamo denunciato ieri, i livelli più alti di sempre, perlomeno in termini nominali. Non vorremmo che il Governo si ricordasse di camionisti e pescatori e si dimenticasse degli automobilisti” Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Quello che serve, inoltre, è una riduzione di 30 cent delle accise, più che complicati meccanismi di sterilizzazione dell’Iva che ci vengono promessi dal 2002, ossia da 20 anni. Le accise, che ora pesano per 72,84 cent sulla benzina e per 61,74 cent per il gasolio, vanno abbassate a 42 cent per la benzina e a 31 cent per il gasolio fino a che le tensioni sui mercati internazionali non finiranno” conclude Dona.

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.
Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di
TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2022 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2022 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma