ECONOMIA: metà spesa 80 euro a famiglie redditi medio-alti

commenta  |  pdf

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Tutti i bonus previsti, dagli 80 euro alla quattordicesima, vanno dati in base al reddito Isee

Roma, 8 novembre 2016 – Secondo l’Istat, circa i due terzi delle risorse destinate alla famiglia e infanzia sono rappresentante dal cosiddetto bonus Irpef 80 euro, ma metà di questa spesa viene erogata a famiglie con redditi medi e medio-alti.

“Questi dati confermano la bontà della richiesta dell’UNC di commisurare tutti i bonus elargiti in base al reddito Isee: dal bonus di 80 euro alla quattordicesima, dal bonus bebè a quello per gli asili nido” dichiara Massimiliano Dona, segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Non è solo un fatto di giustizia sociale. Se gli aiuti vengono dati, invece che ai 4,6 mln di poveri assoluti o agli 8,3 mln di poveri relativi, a chi non ha alcun problema ad arrivare alla fine del mese, i soldi non entreranno nel circolo economico attraverso i consumi e la crescita resterà al palo” conclude Dona.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori