Prezzi luce e gas: le variazioni del primo trimestre 2019

Luci ed ombre per i consumatori di elettricità e gas dopo gli aggiornamenti periodici dei prezzi di riferimento comunicati da ARERA (l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) per il prossimo trimestre di riferimento (Gennaio-Marzo). Innanzi tutto è bene specificare che le variazioni riguardano prevalentemente i clienti dei mercati di tutela (che una norma, purtroppo, prevede termineranno dall’1° luglio 2020 – per approfondire l’argomento Fine del mercato di tutela di luce e gas: 10 cose da sapere).

Inoltre, essendo la composizione delle nostre bollette molto complessa (per approfondire l’argomento leggi Come si legge la bolletta 2.0 di luce e gas) gli aggiornamenti comunicati da ARERA si riferiscono alla così detta “Famiglia Tipo” cioè una famiglia che ha consumi medi di energia elettrica di 2.700 kWh all’anno con una potenza impegnata di 3 kW e per il gas consumi di 1.400 metri cubi annui. Dal 1° gennaio 2019 e per il trimestre di riferimento Gennaio-Marzo avremo, quindi, un prezzo dell’elettricità praticamente stabile, con un -0,08%, ed un aumento per il gas del 2,3%.

Per quanto riguarda l’elettricità, entrando nel dettaglio, in realtà più che parlare di prezzo stabile dovremmo parlare di mancata diminuzione, infatti in questo periodo c’è stata un’importante discesa dei costi dell’energia (-5%) ma, purtroppo, questo calo è stato compensato dal recupero degli Oneri Generali di Sistema che erano stati bloccati lo scorso anno per evitare che le bollette dei consumatori aumentassero eccessivamente nel periodo estivo, periodo in cui i consumi elettrici tendono ad aumentare. La buona notizia è che con questo “pareggio” è stato completamente recuperato l’ammontare degli oneri e quindi, nei prossimi trimestri, le variazioni degli Oneri Generali di Sistema rientreranno nelle normali dinamiche che li hanno sempre caratterizzati. Ovviamente questo dimostra quanto siano determinanti gli Oneri Generali di Sistema per la spesa elettrica degli italiani (coprono il 20% della spesa totale): per questo motivo, secondo noi dell’Unione Nazionale Consumatori, dovrebbero essere tolti dalle bollette e spostati sulla fiscalità generale! La riscossione degli Oneri Generali di Sistema nelle bollette elettriche: le nostre proposte per far sì che non pesino sui consumatori! 

In merito al gas si registra invece un aumento del 2,3%, cosa abbastanza naturale considerata la stagionalità del gas. Quello che emerge drammaticamente, però, è il peso che le imposte e gli oneri parafiscali hanno sul gas arrivando a coprire quasi il 40% del totale. Anche in questo caso sarebbe importante un intervento legislativo, più volte richiesto dalla nostra Unione, per l’abbattimento dell’IVA al 10% per tutti i consumi domestici, come avviene per l’elettricità, e la riduzione delle accise (alcune davvero anacronistiche).

Alla fine dei conti il 2018 ha segnato prezzi, e quindi costi, per i consumatori in rialzo arrivando a determinare una maggiore spesa per la famiglia tipo di 130 euro all’anno!

Ricordiamo che per problemi con la bolletta di luce e gas è attivo il nostro sportello Energia in home page. 

Autore: Marco Vignola
Data: 9 gennaio 2019

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Giuseppe

Perchè il gas deve aumentare quando ci sono i mesi più freddi dell’anno? perchè non deve risultare stabile per tutto il periodo dell’anno? questo non succede in alcune regioni dell’Europa esempio:Germania, Spagna ecc, solo in Italia? perchè sono ladri hanno imparato dalle mafie,pubblicità ingannevole sempre per i consumatori,abito in un monolocale di appena 35 mq e sono solo una persona,mi arrivano bollette da capogiro sia per il gas che per la luce è mai possibile? come se qui ci fosse una famiglia di dieci persone che consuma gas a non finire 24 ore su 24 per non parlare della luce,ma si dai ho 50 lavatrici,50 lampadari,50 fornelli,50 televisori,50 telefonini da ricaricare, 50 PC. Andiamo avanti così con queste stangate poi se qualcuno diventa matto o non c’è l’ha fà di pagare lo ricoverano al Centro Salute Mentale, è questa L’Italia? L’italia della vergogna! Scusate il mio sfogo morale.

Carmela Farruggia

BUONGIORNO… BOLLETTE ARRIVATE NEL PRIMO TRIMESTRE 2019 RELATIVE A OTTOBRE NOVEMBRE:
IREN LUCE-GAS :
PRIVATO: EURO 328 DI CUI 120 EURO CONSUMO E IL RESTO TASSE!
AZIENDALE: EURO 646 DI CUI 213 CONSUMO E BEN 433 DI TASSE!!!!! POSSIBILE TUTTO QUESTO???

William De Meijer

Sono olandese, residente in Italia.Nel mio paese l’ unione dei consumatori compra l’ energia ad un prezzo piu basso dai fornitori per i suoi soci. Assieme sono piu forti per negioziare ed abbassare il prezzo!

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori
© 2019 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online