Caro bollette: come rateizzare una bolletta shock

Redazione UNC
4 Marzo 2022
Condividi su:
Le bollette di luce e gas  hanno registrato enormi rincari: tra gli interventi introdotti dal Governo c’è quello di rateizzare le bollette in modo diverso rispetto a quello che è già possibile fare. Vediamo se si tratta di una soluzione e come richiederla.

L’intervento legislativo per le bollette a rate

La legge di Bilancio 2022 (LEGGE 30 dicembre 2021, n. 234) ha introdotto la nuova rateizzazione delle bollette: l’art 1. (comma 509) ha previsto che “in caso di inadempimento del pagamento delle fatture emesse nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2022 e il 30 aprile 2022 nei confronti dei clienti finali domestici di energia elettrica e di gas naturale, gli esercenti la vendita sono tenuti a offrire al cliente finale un piano di rateizzazione di durata non superiore a dieci mesi, che preveda il pagamento delle singole rate con una periodicità e senza applicazione di interessi a suo carico, secondo le modalità definite dall’ARERA.

Come funziona la rateizzazione delle bollette?

Sulla base di quanto previsto dal Legislatore, l’ARERA ha poi definito operativamente le regole per l’applicazione della rateizzazione che sono:
  • può essere richiesta dai clienti luce e gas domestici che hanno un contratto sia nel mercato tutelato che nel mercato libero;
  • è applicabile alle fatture emesse nel primo quadrimestre 2022;
  • le fatture devono essere scadute e sollecitate dall’azienda di vendita;
  • il numero di rate deve corrispondere almeno al numero di bollette emesse in 10 mesi (se le bollette sono bimestrali -quindi 5 in dieci mesi- le rate minime devono essere 5, se è trimestrale le rate minime saranno 3, se mensile le rate saranno 10).
  • la prima rata sia di un valore pari al 50% dell’importo totale oggetto del piano di rateizzazione e che il restante 50% sia recuperato in rate successive di ammontare costante;
  • nel caso le rate abbiano un importo inferiore a 50 euro, il numero potrà essere ridotto;
  • non saranno applicati interessi;
  • si potrà negoziare anche un piano diverso tra cliente e venditore;
  • in caso di mancato pagamento.
In pratica il consumatore che riceve una maxi bolletta (o comunque una fattura che non può pagare) deve aspettare la scadenza per richiedere la rateizzazione nel momento in cui il suo fornitore gli manderà un sollecito di pagamento. Insomma, come spesso accade in questo settore, legislatore e regolatore si sono impegnati, anche questa volta, a rendere complicata, quasi inattuabile e rischiosa una norma che (buon senso avrebbe voluto) avrebbe dovuto essere semplice ed efficace, soprattutto considerando la gravità della situazione!

Quello che può fare il consumatore è verificare se il proprio gestore offre condizioni più favorevoli rispetto a quanto previsto dall’art 1 comma 509 della Legge 30 dicembre 2021, n. 234 e dalla delibera di Arera n. 636/21. Molte aziende, responsabilmente, anche a seguito di nostre richieste, hanno attivato delle soluzioni migliorative rispetto a quello che la legge prevede: A2a, Acea, Edison, Enel, Enigaseluce, Hera, Illumia, Iren, Sorgenia. Le modalità di queste diverse rateizzazioni variano da azienda ad azienda (ad esempio prevedendo o meno un anticipo, con un numero di rate dipendente dagli importi da rateizzare o fisso, ecc), ma tutte superano il limite fondamentale della legge: infatti la rateizzazione può essere richiesta non appena la fattura è emessa senza dover aspettare che scada!

Le proposte di Unc 

Ecco perché, da subito, abbiamo espresso i nostri dubbi e richiesto delle modifiche sostanziali per semplificare e rendere davvero efficace una norma importante come questa:
  • consentire di rateizzare senza che la fattura debba prima scadere
  • prevedere una prima rata pari al 25% del totale (e non del 50!!!)
  • slegare la frequenza delle rate da quella di fatturazione concordandola tra le parti
  • mantenere la non applicazione degli interessi di dilazione
  • prevedere la possibilità di piani di rateizzazione superiori ai 10 mesi
I consumatori che avessero bisogno di maggiori informazioni e assistenza possono contattarci attraverso il nostro sportello energia. Autore: Marco Vignola
Data: 31 gennaio 2022
Condividi su: