L’esperto risponde su… Garanzie

Redazione UNC
15 Settembre 2015
1085 (Sdc – set. 2015) – I nostri esperti rispondono alle domande più frequenti dei consumatori. La domanda di oggi è: ho una la­va­tri­ce ac­qui­sta­ta ad ot­to­bre 2014 in un grosso negozio di elettronica, un paio di set­ti­mane fa ha avuto un problema e mi sono recata al negozio dove l’ho acquistata per avere assistenza: mi hanno detto che il pezzo è gra­tis ma si deve pa­ga­re il tec­ni­co … è una richiesta legittima? Il pagamento dell’intervento del tecnico non è assolutamente dovuto. I termini per far valere i diritti di garanzia sono: – 2 anni decorrenti dalla consegna del bene (nel caso di vendita di beni usati, le parti, come già evidenziato, possono limitare tale termine a 1 anno); – 2 mesi di tempo dalla scoperta per denunciare al venditore il difetto (la denuncia non è necessaria se il venditore ha riconosciuto l’esistenza del difetto o l’ha occultato). Il consumatore ha, quindi, complessivamente 26 mesi dalla consegna (24 mesi + 2 mesi per denunciare) per far valere i suoi diritti in giudizio. E’ opportuno, dunque, conservare tutti i documenti che attestino la data dell’acquisto (scontrino, fattura, ecc.) e la data di consegna del bene,in caso avvenga successivamente al perfezionamento dell’acquisto. Ricordiamo, infine, che per assistenza è possibile contattare i nostri esperti cliccando qui https://www.consumatori.it/segnalaci-il-tuo-problema/ Per maggiori informazioni, leggi l’articolo Garanzia post-vendita: il venditore è responsabile https://www.consumatori.it/articolo/garanzie-post-vendita-queste-sconosciute Per scoprire tutte le faq, clicca qui

Autore: Massimiliano Dona Data: 16 settembre 2015  
Condividi su: